|

|

|

|

|


Regia

Chuat Stéphanie e Reymond Véronique

Titolo

Ancora Donne - Quando l'amore non ha età

Svizzera, 2018, min.81

Ancora Donne - Quando l'amore non ha età

Le nostre recensioni

(di Carlo Piloni)

 

Felicità e sentimento, amore e passioni. E poi paura, incertezza, solitudine. Elementi quotidiani della vita di ciascuno di noi. Ancora Donne parla di questo: di emozioni quotidiane, naturali, che ci accompagnano e talvolta ci guidano nella vita di tutti i giorni. Sembrerebbe poco, ma, a ben vedere, c’è molto di più in questo documentario di Stéphanie Chuat e Véronique Reymond.

 

Sì perché le protagoniste sono cinque donne over 65, single, divorziate o vedove, con una vita (quasi) intera alle spalle: tutte hanno avuto un lavoro, magari dei figli, una famiglia, tutte hanno vissuto gioie e dolori. Sono donne che vivono un’età che non è mai associata alle emozioni, alle passioni, all’amore. Nella nostra società, semmai, si tende ad associare questo periodo della vita alla tranquillità e alla saggezza, alla quiete e alla vita domestica. Paradossalmente, in una società come la nostra che invecchia sempre di più, esiste uno stigma verso gli anziani, che svalorizza un'età che potrebbe essere invece ancora ricca, piena, appagante.

Le storie di queste cinque vecchie, accompagnate dall’occhio delicato e intelligente di Chuat e Reymond, dimostrano poprio questo: una donna di oltre sessant'anni è, a tutti gli effetti, ancora una donna, con tutte le sfumature e significati che questa parola porta con sè. Ancora donna, tanto quanto lo era a 20 o 40 anni. Durante il documentario vediamo queste cinque donne combattere la loro personale battaglia contro la solitudine e una società che le vuole invisibili; chi alla ricerca di un nuovo amore, chi di nuove esperienze, chi alle prese col tentativo di superare le proprie paure. Tutte alla ricerca di un senso profondo che possa eludere il misero ruolo assegnato loro dalla società. 

 

Quella di Odile, Carmen, Marion, Pierrette e Noëlle è una lotta pacata e ostinata, unica nel suo essere così quotidiana, che dimostra con forza e incredibile semplicità quanto, a 60 anni, si possa “vivere più da vicino e più intensamente la vita”.


(Sintesi redatta da: Carlo Piloni)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Amalia offre un aiuto agli anziani per ogni esigenza

L’Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina con il Comune di Trieste offre un servizio di assistenza telefonica gratuita a tutti gli anziani dell’ASL di riferimento attraverso il numero verde 800.544.544 attivo 24 ore su 24.

Anziani alla guida: un trend negativo che può cambiare

Il Rapporto sulla Sicurezza 2021 realizzato da Dekra (società tedesca che si occupa di testing, ispezione e certificazione nel settore automobilistico) evidenzia che aumentano gli anziani alla guida e che, di conseguenza, crescono i rischi di incidenti stradali in questa fascia di età.

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Gli ologrammi come supporti alla nostra memoria e allo stesso tempo come fantasmi. Questo l'assunto del testo teatrale di Jordan Harrison, finalista al premio Pulitzer nel 2015, dove una donna anziana parla con il marito dei bei tempi andati.

 

Regia di Almereyda Michael, USA, 2017

Parola chiave: Tecnologia, Memoria, Cinema

 

Felicità e sentimento, amore e passioni. E poi paura, incertezza, solitudine. Elementi quotidiani della vita di ciascuno di noi. Ancora Donne parla di questo: di emozioni quotidiane, naturali, che ci accompagnano e talvolta ci guidano nella vita di tutti i giorni. Sembrerebbe poco, ma, a ben vedere, c’è molto di più in questo documentario di Stéphanie Chuat e Véronique Reymond.

 

Regia di Chuat Stphanie e Reymond Vronique, Svizzera, 2018

Parola chiave: Ageism, Innamoramento, Invecchiamento attivo, Stereotipi

 

Dopo un periodo di assenza, torna la nostra rubrica cinematografica con una riflessione sulla pellicola "Lontano Lontano" e alcune opere affini. La parola che le accomuna è anzianità. Parola scomoda, mai aborrita come vecchiaia. Eppure, potessimo usarla oggi, dovremmo parlare di vecchiaie tante quante sono le declinazioni di questa stagione della vita e delle opere che l’hanno raccontata.

 

Regia di Gianni Di Gregorio, Italia, 2019

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 362 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.