|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
07/01/2021

I buoni propositi del 2021 oltre le incertezze

Anno nuovo, nuovi propositi. Leggere di più, fare più sport, curare l’alimentazione, fumare meno e persino imparare a gestire meglio il proprio tempo sono senz’altro alcuni dei punti più gettonati della lista che si stila i primi giorni dell’anno nuovo. Una sorta di tradizione che, secondo alcune statistiche pubblicate dal giornale statunitense Forbes, interesserebbe più del 40% gli americani. Eppure, quando si parla di risultati, gli esiti sono tutt’altro che positivi. Sembrerebbe, infatti, che solamente l’8% raggiunga i propri obiettivi, mentre il restante 92% fallisca nell’impresa prima della fine di febbraio.

 

Buoni propositi: perché li abbandoniamo?

Un quadro che non lascia spazio alle buone speranze, ma che sembra legato al modo in cui ci si pone gli obiettivi. I propositi, infatti, riguardano generalmente qualcosa che spontaneamente non avremmo fatto o qualcosa che non è del tutto automatico, ponendoci già in una situazione iniziale di difficoltà. Inoltre, il periodo in cui vengono annotate le liste per il nuovo anno è un momento di vacanza in cui possiamo rilassarci e godere di molto tempo libero. Ma quando le incombenze della vita quotidiana, come la routine, lo stress e gli impegni, tornano a bussare alla nostra porta, diventa ancora più complicato tenere fede alle nostre stesse promesse.

 

2021: grandi incertezze e buoni propositi

Alcuni studi, tuttavia, indicano che i buoni propositi possano essere di grande utilità se formulati correttamente. Ad esempio, fissare traguardi troppo lontani dalla realtà potrebbe rivelarsi scoraggiante e avvilente, così come dover perseguire più di un obiettivo alla volta. La soluzione allora potrebbe essere quella di dividere un unico proposito in piccole tappe per poter gioire di ogni piccolo traguardo e accrescere il senso di realizzazione e di autostima. Questo potrebbe rivelarsi particolarmente importante soprattutto per l’anno che ci aspetta, ancora pieno di incertezze. Se è vero, infatti, che non possiamo fare pianificazioni e progetti a lungo e medio termine, nulla ci vieta di progettare un cambiamento delle nostre abitudini. Si può, ad esempio, stilare un elenco di ciò che vogliamo raggiungere o integrare nella nostra vita e cosa invece vogliamo abbandonare, attribuendo delle priorità. Secondo gli psicologi, in questa fase è importante procedere più per desideri che per doveri inserendo obiettivi realizzabili. In ultimo, è più efficace stabilire azioni specifiche, precise e misurabili. Mezz’ora di lettura o di camminata, ad esempio, sono facilmente quantificabili e la gratificazione che ne deriverà dopo potrebbe fornire la motivazione per il passo successivo.

 

I buoni propositi dei senior

Spunti efficaci da cui ha preso spunto anche Home Care Assistance, un sito americano dedicato all’assistenza e al supporto dei senior, che ha proposto agli over 65 americani di fissare tra i loro buoni propositi quello di invecchiare in modo sano e attivo. Le tappe per raggiungere questo traguardo sono composte da cambiamenti come il diventare più selettivi, preferendo quando possibile le attività più piacevoli e abbandonando quelle noiose e stancanti, oppure il cimentarsi nella creazione di un profilo sui social network per favorire l’incontro con altre persone e allenare il cervello grazie all’uso della tecnologia. Nella lista c’è anche una voce che invita ad utilizzare prevalentemente parole positive poiché influenzano l’umore e il senso di autostima, una che consiglia di intrattenere rapporti intergenerazionali e, ancora, alcuni punti che indirizzano alla formazione continua, alla pianificazione del futuro e all’attenzione per gli altri. Una tabella di marcia che si sposa alla perfezione con il decennio 2021-2030 dell’Invecchiamento in Buona Salute, proclamato dalle Nazioni Unite e inaugurato in questi giorni dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. L’obiettivo del Decennio dell’invecchiamento sano, infatti, si focalizza su 5 “abilità” di cui tutte le persone anziane dovrebbero godere. Si tratta della capacità di soddisfare i bisogni di base quotidiani, la possibilità di continuare a imparare e prendere decisioni, quella di muoversi all’interno del proprio ambiente di vita, l’opportunità di costruire e mantenere relazioni e quella di continuare a contribuire alla società.


(Sintesi redatta da: Linda Russo)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Il weekend

Jude, Wendy e Adele, tre donne settantenni, hanno un triste compito: svuotare la casa delle vacanze di Sylvie, che è morta di recente. Sono amiche da sempre, eppure adesso sembrano non ricordare il perché: era Sylvie a tenerle unite. Jude è precisa e severa, Wendy è spesso tra le nuvole e si ostina a portare ovunque il vecchio cane Finn e Adele sogna ancora un futuro da attrice.

Il gioco della vita

Il gioco della vita è il secondo capitolo della saga di Jalna: una saga familiare amatissima che, a partire dagli anni Venti, conquistò generazioni di lettori, con undici milioni di copie vendute e centinaia di edizioni in tutto il mondo, seconda solo a Via col vento fra i bestseller all’epoca della prima uscita.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

I volontari di Albignasego, nel padovano, con il contributo del Comune, hanno sperimentato attività socializzanti e di supporto per malati di Alzheimer e per i loro familiari.

 

Scritto da Desanti Gianni il 14/01/2021

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Rete sociale

 

Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine ha stipulato una convenzione con i Carabinieri per attivare corsi di alfabetizzazione digitale nei Comuni al di sotto degli 8.000 abitanti. Leonardo affianca al ruolo strategico industriale nuove iniziative nel sociale, mirate alla realtà dei piccoli Comuni.

 

Scritto da Desanti Gianni il 13/01/2021

Parola chiave: Digital divide, Social Network, Informatica

 

Marilli, Isabella e Paola, nate tutte e tre in estate sotto il segno del Cancro, hanno più o meno gli stessi anni. Sono donne decise, eleganti, ironiche e determinate a diffondere la consapevolezza che l’età non è un limite. Ed è proprio questo obiettivo che le ha fatte incontrare un anno fa sui social e che ha dato vita a Magnifiche Perennial.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 12/01/2021

Parola chiave: Amicizia, Atteggiamento verso invecchiamento, Attività fisica, Dossier Invecchiamento Attivo, Qualità della vita

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6379 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.