|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
20/01/2021

Fonte
spazio50

Il divario retributivo tra uomini e donne over50 è ancora elevato

Lo stereotipo che gli uomini guadagnano più delle donne è realtà, e diventa più insistente verso i 50-60 anni. Questo fatto è dimostrato dalla società britannica Rest Less, che fornisce consigli e informazioni in tema di lavoro, formazione e salute agli over 50.

Nell'Unione Europea in media le donne percepiscono una retribuzione più bassa rispetto agli uomini del 14% a parità di ore lavorate.
Stipendi più bassi nel lungo periodo hanno conseguenze anche su risparmi e pensioni più basse. I dati variano da settore a settore, ma si registra un divario più elevato nel settore privato.

In Italia, invece, il divario retributivo tra uomini e donne nel 2017 è del 7,4% e si accentua nei contratti a tempo determinato, a collaborazione parziale o a chiamata.

I laurati ricevono uno stipendio maggiore di 3€ rispetto alle colleghe laureate. Il divario degli stipendi tra uomini laureati e diplomati è del 32,6%, mentre per le donne si ferma al 14,3%.


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La solitudine non è solo negativa

Il concetto di solitudine è normalmente associato a problematicità e negatività. Alcuni neurologi, però, rivalutano la solitudine sulla base di una ricerca del 2020 di Danilo Bzdok e Nathan Spreng pubblicata su Applied Radiology ed effettuata nel Quebec. Nello studio sono state coinvolte 40.000 persone in età matura o anziana che hanno dichiarato di "sentirsi sole".

Nero è il cuore del papavero

È un libro che insegue le tracce della memoria, attraverso la figura di un padre che non c’è più, ma di cui restano i gesti, le parole, le abitudini. È la fine di un mondo contadino che s’intreccia ai profumi, agli odori, rumori, colori scomparsi dalla realtà ma non dalla memoria.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Il progetto, promosso dalla fondazione europea Guido Venosta, coinvolge i radiotaxi milanesi 024040, 028585, 026969 e le associazioni di categoria Tam, SATaM, unione artigiani della provincia di Milano, Taxiservice, insieme a palazzo Marino. 

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 29/03/2021

Parola chiave: Anziano non autosufficiente, Bisogni degli anziani, Crisi economica, Epidemie, Rete dei servizi, integrazione

 

Il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, ritiene che sia indispensabile potenziare la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione per poter meglio rispondere alle esigenze dei cittadini.

 

Scritto da Lacchi Nives il 28/03/2021

Parola chiave: Qualità dei servizi, Rete informatica, Tecnologia

 

Tutti i giovedì alle 15, su Google Meet, l'Associazione "I Ragazzi della Terza Età" organizza il programma di intrattenimento "I caffè della Valle". Un'iniziativa che nasce dalla necessità di continuare ad incontrarsi, divertendosi e condividendo esperienze e testimonianze con l’obiettivo di non smettere mai di imparare e di confrontarsi.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 24/03/2021

Parola chiave: Informatica, Internet, No profit, Volontariato a favore di anziani

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6441 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.