|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
17/02/2021

Fonte
www.lanuovaferrara.gelocal.it

Lei mi parla ancora, un film di Pupi Avati che racconta una lunga storia d’amore

E’ uscito il nuovo film di Pupi Avati Lei mi parla ancora. Nel lungometraggio, tratto dall’omonimo libro di Giuseppe Sgarbi, Avati racconta la storia d’amore che ha scandito e accompagnato tutta la vita dell’autore e della moglie Rina Cavallini.

Ad interpretare i panni dello scrittore il compito è stato affidato a Lino Musella e a Renato Pozzetto, mentre quelli della moglie sono stati affidati a Isabella Ragonese e Stefania Sandrelli. A Fabrizio Gifuni il compito di impersonare Amicangelo, editor che aiuta l’anziano Sgarbi a superare la scomparsa della moglie attraverso la scrittura di un libro sulla loro storia d’amore.

 A indossare i panni di lui ci hanno pensato Lino Musella e Renato Pozzetto mentre quelli di lei sono stati affidati a Isabella Ragonese e Stefania Sandrelli. A Fabrizio Gifuni il compito di impersonare Amicangelo, editor che aiuta l’anziano Sgarbi a superare la scomparsa della moglie attraverso la scrittura di un libro sulla loro storia d’amore.

Nel cast ci sono anche Chiara Caselli, Alessandro Haber, Serena Grandi, Gioele Dix, Nicola Nocella, Giulia Elettra Gorietti.


(Tratto dall’articolo www.lanuovaferrara.gelocal.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Lei mi parla ancora, un film di Pupi Avati che racconta una lunga storia d’amore

È uscito il nuovo film di Pupi Avati Lei mi parla ancora. Nel lungometraggio, tratto dall’omonimo libro di Giuseppe Sgarbi, Avati racconta la storia d’amore che ha scandito e accompagnato tutta la vita dell’autore e della moglie Rina Cavallini.

Giornata nazionale in memoria delle vittime del Covid-19

Nei giorni scorsi, come ormai è ben noto, il Parlamento italiano ha approvato una legge con cui si è istituita la Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell'epidemia da coronavirus che è stata celebrata il 18 marzo e che verrà ricordata tutti gli anni.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

È statistico: le persone anziane tendono a fare poco movimento. Per combattere una pigrizia che nuoce alla salute e alla sanità pubblica, diverse città hanno dotato aree di parchi pubblici con attrezzi e dettagli pensati per loro.

 

Scritto da Desanti Gianni il 25/04/2021

Parola chiave: Attività fisica, Benessere

 

Abbiamo assistito in questo periodo - da quando è iniziata la vaccinazione - ad una processione infinita di personaggi che, uno dopo l’altro, si sono avvicendati nell’occupare i posti che sarebbero dovuti andare ai più anziani.

 

Scritto da Desanti Gianni il 24/04/2021

Parola chiave: Vaccinazioni, Politiche riferite alla popolazione anziana

 

Per arginare il problema della solitudine venutosi a creare a causa delle pandemia principalmente tra le persone anziane, la Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve ha elaborato un progetto della durata di un anno denominato “Argento vivo”. Un'inziativa che si articolerà attraverso una serie di servizi e attività di laboratorio virtuali e in presenza (appena sarà possibile), dando anche un’opportunità occupazionale ad alcuni giovani.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 15/04/2021

Parola chiave: Aspetti psicologici dell'invecchiamento, Cultura e informazione: fruizione e richiesta, Epidemie, Rete sociale, Solitudine

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6456 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.