|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
14/04/2021

Fonte
www.huffingtonpost.it

Vaccino antinfluenzale potrebbe proteggere dal Covid-19

Secondo uno studio statunitense, chi ha ricevuto il vaccino stagionale ha meno probabilità di essere infettato dal Covid-19 o potrebbe aver sviluppato una forma meno grave della malattia.

Dai risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista scientifica American Journal of Infection Control, si evince che le probabilità di risultare positivi al Covid si abbassino del 24% nei pazienti che hanno ricevuto un vaccino antinfluenzale e, inolte, gli stessi hanno meno probabilità di richiedere il ricovero in ospedale. Di conseguenza, secondo i ricercatori, questi risultati inducono a pensare che il vaccino antinfluenzale dovrebbe essere promosso per ridurre il carico ospedaliero dovuto alla pandemia.

Gli studiosi dell’Università del Michigan per cercare la correlazione tra la vaccinazione contro l’influenza stagionale e l’infezione da Covid-19 hanno analizzato le cartelle mediche di 4,5 milioni di pazienti presenti all’interno del sistema sanitario. Fra questi, hanno identificato 27.201 persone che hanno fatto un tampone durante la prima ondata, tra marzo e luglio 2020. Ebbene, chi aveva il vaccino antiinfluenzale aveva il 24% di possibilità in meno di risultare positivo al tampone. 

Occorre, però, precisare che gli stessi ricercatori affermano che saranno necessari studi specifici per stabilire con chiarezza un nesso causale tra i due fattori.


(Tratto dall’articolo www.huffingtonpost.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Per gli ammalati di Alzheimer: un cane per amico

Il Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie dell’Università di Parma ha promosso una ricerca per conoscere l’influenza di un cane nella vita di persone con la malattia di Alzheimer.

Smog e capacità cognitive: la relazione scoperta dalla Columbia University

Da uno studio condotto dalla Colombia University e pubblicato dalla rivista Nature Aging, è emerso che l'esposizione alle microparticelle dello smog, seppur per un tempo limitato, è in grado di compromettere le capacità cognitive degli anziani. Questi effetti, tuttavia, sarebbero mitigati attraverso l'assunzione di farmaci FANS.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Uno studio effettuato dall'Università di York ha rilevato che il ballo, praticato settimanalmente, aiuta gli ammalati di Parkinson. Gli autori hanno scoperto che si riducono le disabilità motorie e si registra un miglioramento significativo nelle aree correlate alla parola, ai tremori, all’equilibrio e alla rigidità.

 

Scritto da Desanti Gianni il 31/07/2021

Parola chiave: Malattia di Parkinson, Riabilitazione, Danza, canto, recitazione, musica

 

L'Irlanda, con i fondi che la UEFA devolve ogni anno a favore di attività di responsabilità sociale, ha dato vita al progetto Walking Football per adattare le modalità di gioco ai ritmi più lenti dei senior.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 30/07/2021

Parola chiave: Attività fisica

 

Wally Funk, classe 1939, è una pioniera delle pari opportunità. Da sempre si è occupata di attività di studio e di lavoro prettamente maschili, come il suo desiderio di diventare astronauta. Il coronamento di questa esperienza spaziale si è avuta, però, solo quest'anno grazie a Jeff Besoz.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 30/07/2021

Parola chiave: Storie di vita, Viaggio

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6507 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.