|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
24/05/2021

Fonte
www.spazio50.org

Nel Cilento si vive di più e si è meno soggetti al contagio da Covid-19

In Cilento, zona sud della Campania, si vive di più. Infatti i centenari sono numerosi e svolgono in autonomia molte attività che gli anziani di altre zone non sono più in grado di fare.

Questa loro particolarità è oggetto di studio da parte dell’Università La Sapienza di Roma e dalla San Diego University che da sei anni hanno attivato il progetto CIAO (Cilento on Aging Outcomes).

Le ultime rilevazioni hanno messo in evidenza anche un’altra particolarità positiva che ‘colpisce’ gli anziani cilentani: sono stati meno soggetti al contagio da Covid e coloro che si sono ammalati hanno contratto una forma più lieve.

Secondo gli studiosi questo è dovuto non solo al maggior isolamento della popolazione, ma anche alle grandi quantità di vitamina D presente negli anziani monitorati. Un dato che potrebbe rappresentare una protezione contro le gravi infezioni. Questa relazione tra vitamina D e infezione da Covid, infatti, potrà essere sviluppata per fornire nuovi strumenti nella prevenzione e nella cura della pandemia.


(Tratto dall’articolo www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Attrezzi dedicati agli anziani nei parchi

È statistico: le persone anziane tendono a fare poco movimento. Per combattere una pigrizia che nuoce alla salute e alla sanità pubblica, diverse città hanno dotato aree di parchi pubblici con attrezzi e dettagli pensati per loro.

Una lotta con la mente: affrontare la depressione in terza età

Secondo uno studio dell’OMS, i disturbi depressivi colpiscono nel mondo 322 milioni di persone di tutte le età. L’incidenza più alta, però, si registra tra adulti e anziani. La depressione in terza età può portare a non vedere prospettive con il rischio di rinunciare a vivere bene, a mangiare, a fare attività fisica, a curarsi, ad avere una vita sociale.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Eurostat ha analizzato l’indice di dipendenza degli anziani, vale a dire il rapporto tra persone in età lavorativa (20-64) e persone over 65. L’Italia è tra i paesi con il rapporto di dipendenza più elevato insieme a Germania, Grecia, Spagna, Francia, Portogallo e Finlandia.

 

Scritto da Desanti Gianni il 15/10/2021

Parola chiave: Analisi demografica, Europa, Politiche riferite alla popolazione anziana, Ricerca

 

Uno studio condotto dal professor Alfredo Berardelli, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha evidenziato che i pazienti affetti da malattia di Parkinson, nelle forme moderata e avanzata, presentano nella loro saliva un livello di caffeina inferiore rispetto alle persone sane.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 16/10/2021

Parola chiave: Malattia di Parkinson, Stili di vita, Alimentazione, Ricerca

 

Dedico un pensiero particolare nell’editoriale di questo mese ai volontari che finora hanno lavorato negli hub vaccinali: Alpini, Associazioni d’arma, Protezione Civile, Ordine di Malta e Cisom), altri gruppi di volontariato (Avo, Amo la vita, le Misericordie, le varie croci, gli scout, ecc.). Senza retorica, posso dire infatti che questa ricchezza di libere volontà merita grande ammirazione.

 

Scritto da Trabucchi Marco il 14/10/2021

Parola chiave: No profit, Rete sociale, Vaccinazioni, Volontariato di anziani

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6518 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.