|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.spazio50.org
24/05/2021

Nadine, il robot preferito dagli anziani. L'invenzione di Singapore

Nadine è un robot umanoide nato dall’inventiva di Nadia Thalmann, esperta di robotica sociale e direttore dell’Institute For Media Innovation di Singapore. È alta poco più di un metro e 30, pesa 35 kg, ha una pelle morbida, una cascata di capelli castani e le fattezze della sua “creatrice”. Può riconoscere i volti, stringere le mani, sorridere e dialogare in diverse lingue.

Secondo i ricercatori, la presenza di un robot nelle strutture per anziani avrebbe un duplice effetto positivo: sarebbe di stimolo per le attività ricreative degli ospiti e ridurrebbe il carico degli operatori.

Lo dimostra uno studio dell’Università tecnologica Nayang, realizzato presso la casa di cura Bright Hill Evergreen di Singapore. Con la partecipazione di 29 residenti over 60, Nadine ha condotto il gioco del bingo, chiamando i numeri e congratulandosi con i vincitori. Grazie all’Intelligenza Artificiale, è stata in grado di imbastire dialoghi, esprimere emozioni, conservare la memoria di volti e conversazioni.

Per Nadia Thalmann ciò significa che in futuro i robot umanoidi potranno essere introdotti nelle case di cura per divertire gli anziani, lasciando libero il personale di svolgere altri compiti.


(Fonte: www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Riconsiderare la demenza

Qual è la vera natura della demenza? Quali le sue cause? Che cosa dovrebbe essere richiesto a organizzazioni e individui coinvolti nella cura di chi ne è affetto? Oggi finalmente disponibile in Italia, il libro di Tom Kitwood risponde a queste e molte altre domande, rivoluzionando il modo di considerare la demenza e promuovendo un innovativo paradigma di cura e di assistenza, alternativo al modello medico e centrato sulla persona.

80 anni di follia. E ancora una gran voglia di vivere

Dopo aver svelato il volto della follia, Vittorino Andreoli ripercorre in questo libro le tappe di una vita attraversata da numerose sfide e scommesse, non senza qualche amarezza.

Un “vecchio”, ci insegna Andreoli, non è solo una persona con lo sguardo rivolto all'indietro, anzi è proprio a ottant'anni che è possibile affrontare con più libertà le “grandi domande dell'esistenza”, come il rapporto tra fede e ragione; dedicarsi alla musica, al teatro, alla letteratura, continuando a sostenere la causa dei “miei matti” – come li chiama affettuosamente dal lontano giorno del 1959 in cui mise per la prima volta piede in un manicomio – attraverso interviste, dibattiti e conferenze.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uguaglianza, cura, partecipazione. Sono le tre parole chiave che hanno guidato l’impegno di AGE Platform Europe nel 2021.

 

D'Agostino Annarita, www.spazio50.org, 11/04/2022

Parola chiave: Politiche riferite alla popolazione anziana

 

Invecchiare è un processo naturale e fisiologico e pur svolgendosi con modalità diverse a secondo degli individui, rimane di fondamentale importanza affrontare il passare degli anni promuovendo un invecchiamento attivo e sfatando miti e stereotipi che spesso condizionano l’ultima fase della vita.

I fattori che influenzano l’invecchiamento non solo sono genetici e sanitari, ma contano anche i fattori culturali, lo stile di vita, le esperienze fatte, l’aspetto economico, la rete sociale, ambiente e famiglia, la personalità, la resilienza.

 

Caniglia Maria Lucia , www.altraeta.it, 02/05/2022

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Qualità della vita, Stili di vita

 

Il modo in cui si scrive cambia nel tempo e questo potrebbe diventare uno strumento prezioso per intercettare o monitorare a distanza pazienti con problemi neurologici, come Alzheimer o Parkinson.

Lo afferma uno studio coordinato da Antonio Suppa del Dipartimento di Neuroscienze Umane della Sapienza Università di Roma.

 

Bonfranceschi Anna Lisa, www.repubblica.it, 17/05/2022

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Tecnologia, Telemedicina

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 192 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.