|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
13/07/2021

Fonte
www.helpconsumatori.it

Anziani e internet: ecco la situazione in Europa

L’uso di Internet non è così abituale fra gli anziani, nonostante con la pandemia Covid ed il conseguente distanziamento sociale diventato sempre più importante, infatti, in Europa il 61% dei cittadini dai 65 ai 74 anni utilizza internet con forti differenze nazionali. L’Italia è sotto la media europea.

L’uso di internet fra le generazioni più anziane è maggiore in Danimarca, in Lussemburgo, in Svezia e nei paesi del Nord Europa. Sull’altro lato della scala ci sono Bulgaria, Croazia e Grecia, dove l’uso di internet fra gli over 65 varia dal 25% al 33% dei cittadini. L’Italia sta nella parte bassa della classifica, sotto la media europea, poco sopra il 40%, prima solo di Polonia, Romania, Portogallo, e appunto Grecia, Croazia e Bulgaria.

Nel 2020, in Danimarca il 94% dei cittadini fra i 65 e i 74 anni ha usato Internet; seguita da Lussemburgo e Svezia (entrambi al 91%), Paesi Bassi (90%) e Finlandia (88%).


(Tratto dall’articolo www.helpconsumatori.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La pandemia ha aumentato le difficoltà dei familiari impegnati nella cura

Lo studio condotto da Eurocarers e svolto in collaborazione con il Centro Ricerche Economico-Sociali per l’Invecchiamento dell’IRCCS INRCA (Istituto Nazionale di Ricovero e Cura per Anziani) di Ancona rileva che nell’ultimo anno le difficoltà dei caregiver informali e familiari sono aumentate.

Vaccino antinfluenzale potrebbe proteggere dal Covid-19

Secondo uno studio statunitense, chi ha ricevuto il vaccino stagionale ha meno probabilità di essere infettato dal Covid-19 o potrebbe aver sviluppato una forma meno grave della malattia.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Eurostat ha analizzato l’indice di dipendenza degli anziani, vale a dire il rapporto tra persone in età lavorativa (20-64) e persone over 65. L’Italia è tra i paesi con il rapporto di dipendenza più elevato insieme a Germania, Grecia, Spagna, Francia, Portogallo e Finlandia.

 

Scritto da Desanti Gianni il 15/10/2021

Parola chiave: Analisi demografica, Europa, Politiche riferite alla popolazione anziana, Ricerca

 

Uno studio condotto dal professor Alfredo Berardelli, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha evidenziato che i pazienti affetti da malattia di Parkinson, nelle forme moderata e avanzata, presentano nella loro saliva un livello di caffeina inferiore rispetto alle persone sane.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 16/10/2021

Parola chiave: Malattia di Parkinson, Stili di vita, Alimentazione, Ricerca

 

Dedico un pensiero particolare nell’editoriale di questo mese ai volontari che finora hanno lavorato negli hub vaccinali: Alpini, Associazioni d’arma, Protezione Civile, Ordine di Malta e Cisom), altri gruppi di volontariato (Avo, Amo la vita, le Misericordie, le varie croci, gli scout, ecc.). Senza retorica, posso dire infatti che questa ricchezza di libere volontà merita grande ammirazione.

 

Scritto da Trabucchi Marco il 14/10/2021

Parola chiave: No profit, Rete sociale, Vaccinazioni, Volontariato di anziani

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6518 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.