|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.spazio50.org
22/06/2021

Bassa natalità e invecchiamento: il Rapporto Scientifico sulla Popolazione

Il 3 giugno scorso a Roma, presso il CNEL (il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) è stato presentato il Rapporto Scientifico sulla Popolazione. Il documento, curato dall’Associazione Italiana per gli Studi di Popolazione (AISP), affronta gli anni dal 2000 al 2020.

Il ventennio preso in considerazione si caratterizza per una costante e accentuata diminuzione delle nascite che passa dal record mondiale del 1995 con 1,19 figli per donna alla situazione attuale con 1,18 figli per donna. La causa principale del declino del tasso di fertilità è, come si evidenzia nella ricerca, l’incapacità del welfare italiano di sostenere la famiglia numerosa.

In positivo l’Italia si distingue per un evidente progresso della speranza di vita alla nascita che, nel periodo pre-Covid, si è assestata ai più alti livelli mondiali (più di 83 anni nel 2018).

Se fino al 2015 i flussi migratori hanno in parte contribuito ad arginare la diminuzione di nascite nel nostro Paese, questo fenomeno, pur consistente, non è stato sufficiente ad incrementare le nascite. 

Dal 2000 al 2020 si ha un crollo della popolazione giovanile. Tanto che, pur potendo aumentare il tasso di fertilità con le politiche adeguate, mancherebbero le nuove coppie. In Italia nella fascia di età tra i 15 e i 29 sono molti i giovani (la più alta percentuale europea) che non studiano e non lavorano (definiti Neet) e che non avendo indipendenza economica, vivono a carico dei loro genitori.

L’aspetto positivo è legato al primato della longevità connesso alla buona salute dei senior. Aumenta la speranza di vita in assoluto ma aumenta anche la speranza di vita in buona salute anche se ci sono differenze tra le varie aree d’Italia.

Le conseguenze della bassa fecondità e dell’invecchiamento della popolazione rimarranno a lungo nella società. Spetta alla politica tradurre le sfide della demografia in nuove opportunità per combattere le diseguaglianze. Bisognerà pensare alla formazione e al lavoro dei giovani e sarà fondamentale investire sulla buona salute contrastando la disabilità nell’anziano.

Come sottolinea il Green Paper della Commissione Europea sull’invecchiamento della popolazione, la formazione deve essere al cuore della sfida demografica garantendo adeguate forme di istruzione che comprendano tutti i cicli di vita delle singole persone.  

Investire nella salute, nella disabilità e nell’Healthy Ageing (invecchiamento salutare), sottolinea il Rapporto, significa creare nuove opportunità.


(Fonte: www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Il mondo di Cobe, una vita semplice

Nei mesi scorsi, con i cinema chiusi, abbiamo raschiato il fondo della nostra memoria per suggerire titoli del passato in qualche misura riconducibili, di volta in volta, ad una parola chiave. È stato divertente, per noi: per voi lettori, speriamo.

Vacanze in montagna: le raccomandazioni del Club Alpino Italiano

Dal Club Alpino Italiano (CAI) arrivano alcune raccomandazioni utili per andare in montagna in sicurezza anche quando si è over 50.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Dal Club Alpino Italiano (CAI) arrivano alcune raccomandazioni utili per andare in montagna in sicurezza anche quando si è over 50.

 

Milesi Sanzia, www.spazio50.org, 24/07/2021

Parola chiave: Contesto montano, Tempo libero, hobbies, Viaggio

 

Il 3 giugno scorso a Roma, presso il CNEL (il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) è stato presentato il Rapporto Scientifico sulla Popolazione. Il documento, curato dall’Associazione Italiana per gli Studi di Popolazione (AISP), affronta gli anni dal 2000 al 2020.

 

Costalunga Anna, www.spazio50.org, 22/06/2021

Parola chiave: Analisi demografica, Invecchiamento attivo

 

Nadine è un robot umanoide nato dall’inventiva di Nadia Thalmann, esperta di robotica sociale e direttore dell’Institute For Media Innovation di Singapore. È alta poco più di un metro e 30, pesa 35 kg, ha una pelle morbida, una cascata di capelli castani e le fattezze della sua “creatrice”. Può riconoscere i volti, stringere le mani, sorridere e dialogare in diverse lingue.

 

Costalunga Anna, www.spazio50.org, 24/05/2021

Parola chiave: Ausili, Residenza Sanitaria Assistenziale, Assistente familiare, badante

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 166 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.