|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
03/08/2021

Fonte
www.panoramasanita.it

Il nuovo studio sul rame: responsabile della malattia di Alzheimer

Un vasta letteratura scientifica negli anni ha supportato la tesi del rame cattivo quale fattore di rischio per la malattia di Alzheimer: si tratta di quel rame anche detto libero che,al contrario dal buono, non si lega ad una proteina, la ceruloplasmina, attraverso la quale viene trasportato nell’organismo per contribuire allo svolgimento di importanti funzioni vitali e metaboliche. Il rame fuori dal controllo delle proteine, infatti, innesca reazioni ossidanti che vanno a danneggiare cellule e tessuti. 

Una ricerca, pubblicata sulla rivista internazionale Biomolecules ha esaminato 56 studi realizzati su un totale di 6000 soggetti, evidenziando che nella malattia di Alzheimer la presenza di rame nel cervello diminuisce, mentre nel sangue aumenta. I due dati non sono in contraddizione tra loro: “Fanno parte di uno squilibrio sistemico tra rame buono (legato alle proteine) che diminuisce e rame cattivo (non legato alle proteine) che aumenta”, spiega Rosanna Squitti, ricercatrice al Fatebenefratelli-IsolaTiberina di Roma e capofila dello studio.

“Questo squilibrio  – continua Squitti – è lo specchio di un altro tipo di patologia legata al rame tossico, la malattia di Wilson, assunta come paradigma per lo studio sul ruolo del metallo nell’Alzheimer". Lo studio pone basi scientifiche su cui alimentare nuovi scenari terapeutici.


(Tratto dall’articolo www.panoramasanita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Europei poco ligi alle norme sia alla guida che nel settore sanitario

Il nostro Paese, purtroppo, è tra quelli meno inclini a rispettare il codice della strada. Uno studio condotto dalla Fondazione VINCI Autoroutes rileva i comportamenti tenuti dalla popolazione per quanto riguarda il rispetto delle norme stabilite dalla legge.

Obiettivo Milano 2035: l'abitare collaborativo

Milano 2035 è un progetto che prevede il raggiungimento di vari obiettivi intergenerazionali, tra cui il cohousing, il riciclo e il volontariato.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Uno dei maggiori rischi che in cui si incorre nell’invecchiamento è la demenza senile. Il numero delle persone affette dal morbo di Alzheimer e da altre demenze correlate è in costante crescita.

 

 

Scritto da Lacchi Nives il 22/11/2021

Parola chiave: Demenza senile, Disturbi della memoria, Malattia di Alzheimer, Videogiochi

 

Il sonno riveste un ruolo importante per la salute per tre ragioni: aiuta il corpo a ripristinare le normali funzioni, favorisce una migliore salute mentale e protegge da diabete, malattie cardiovascolari e Alzheimer.

Si ipotizza che durante il sonno il cervello elimini le proteine dannose che si accumulano durante il giorno, come la beta-amiloide e la tau, responsabili della demenza.

Infine, secondo i ricercatori, ciò che importa non sarebbe la quantità del sonno ma bensì la qualità dello stesso, che oscilla tra 4,5 e 6,5 ore ottimali.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 13/11/2021

Parola chiave: Benessere, Disturbi del sonno, Malattia di Alzheimer, Ricerca

 

L‘Inps informa che ora è possibile inviare la domanda di reversibilità della pensione precompilata, grazie al progetto d’innovazione digitale 2021; precisa, infatti, che  il modello di domanda è stato modificato al fine di  facilitare l’acquisizione automatica dei dati.

A seguito della cessazione di una pensione per decesso – prosegue il messaggio – l’Istituto proporrà sull’area MyINPS del coniuge avente causa la domanda precompilata di reversibilità.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 19/11/2021

Parola chiave: Pensionamento, problemi del, Rete informatica, Servizi sociali

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6541 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.