|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
28/10/2021

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it

Gender Gap Index: in Inghilterra le insegnanti percepiscono meno dei loro colleghi uomini

Secondo la società finanziaria Wesleyan, nell'anno 2020-2021 le insegnanti inglesi hanno percepito uno stipendio medio di circa 11.500 sterline, contro le 16-34.000 sterline dei colleghi uomini, con un divario circa del 28%.

La forbice aumenta tra le pensioni delle insegnanti e quelle degli insegnanti: in questo si arriva fino al 56%. Questa differenza è dovuta al fatto che le donne per conciliare vita e lavoro ricorrono spesso a contratti part time e a congedi di maternità non retribuiti (nel Regno Unito il congedo di maternità è retribuito per 39 settimane, dopodichè le donne hanno il diritto di chiederlo, ma non viene riconosciuto un sussidio in denaro e non viene conteggiato ai fini previdenziali).

Helen Foster, insegnante di 50 anni, racconta che ha smesso di lavorare per dedicarsi ai figli piccoli e ha ricominciato a lavorare part time alla nascita del terzo figlio. Nel suo caso, anche se decidesse di lavorare a pieno regime fino all'età pensionabile non raggiungerebbe la pensione che percepisce il marito, anch'egli insegnante. Perciò ha avviato un'attività di consulenza e lavora con AirBnb per arrotondare le sue entrate.


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Invecchiamento attivo: la sfida del nostro tempo

Come evidenziato in occasione della giornata dell’Invecchiamento attivo, celebrata lo scorso 22 aprile, i senior di oggi sono sempre più attivi rispetto al passato sia nel volontariato, nella partecipazione sociale, nell’utilizzo delle nuove tecnologie e in moltissimi altri campi della cultura ed economia.

Invecchiare bene si può: miti da sfatare

Invecchiare è un processo naturale e fisiologico e pur svolgendosi con modalità diverse a secondo degli individui, rimane di fondamentale importanza affrontare il passare degli anni promuovendo un invecchiamento attivo e sfatando miti e stereotipi che spesso condizionano l’ultima fase della vita.

I fattori che influenzano l’invecchiamento non solo sono genetici e sanitari, ma contano anche i fattori culturali, lo stile di vita, le esperienze fatte, l’aspetto economico, la rete sociale, ambiente e famiglia, la personalità, la resilienza.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

I senior di oggi sono sempre più attivi: si dedicano al volontariato, alla cura della famiglia , ai viaggi.

 

Scritto da Enza Mathieu il 10/05/2022

Parola chiave: Invecchiamento attivo

 

La retinopatia diabetica è una conseguenza che colpisce il 30% dei pazienti diabetici. Molto importante è la prevenzione: con una procedura non invasiva è possibile diagnosticare la patologia ed evitare complicanze ulteriori al paziente che possono condurre fino alla ceceità.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 14/07/2022

Parola chiave: Esami diagnostici

 

Il Politecnico di Milano ha sviluppato un innovativo dispositivo tecnologico, per utilizzo industriale, destinato allo studio di nuovi farmaci per il trattamento di patologie cerebrali come la malattia di Alzheimer o il morbo di Parkinson.

 

Scritto da Desanti Gianni il 15/07/2022

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Tecnologia

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6665 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.