|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
28/10/2021

Le RSA: luoghi per l’innovazione

Il contributo di Marco Trabucchi

 

Gli eventi degli ultimi mesi hanno richiamato l’attenzione collettiva sulle residenze per anziani. Le reazioni sono state molto diverse tra di loro. Chi ha reagito in modo pesante, accusando le strutture di inadeguatezza rispetto al loro delicatissimo ruolo, mentre altri hanno assunto un atteggiamento fatalista di accettazione degli eventi e di disinteresse per l’evoluzione futura. Un terzo gruppo, poi, ha pensato ad una limitata operazione di maquillage, sostanzialmente continuando sulle strade precrisi. Infine, un gruppo ha deciso di seguire un percorso di rinascita, con una sostanziale rottura della continuità, perché il covid-19 non deve essere vissuto come l’interruzione di un percorso lineare, ma come l’inizio di un nuovo “mondo vitale”, nel quale le RSA devono collocarsi.

 

In questo periodo la politica sembra aver abbandonato le RSA, con ovvie conseguenze, tra le quali la più importante è il silenzio del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza; una situazione dalle conseguenze per alcuni aspetti drammatiche, che forse però potrà permettere maggiore libertà per riprogettare il futuro, se le realtà locali avranno la forza di reagire. Tuttavia, al fine di pensare razionalmente al domani è doveroso porsi alcune domande, per comprendere in quale atmosfera culturale e organizzativa si colloca la volontà di rinascere. Le Regioni pensano ancora che nelle RSA occorra personale formato o va bene chiunque, tanto gli standard sono saltati? La politica crede ancora nel dovere di assicurare ai residenti un minimo di cure, per permettere loro una vita da cittadini e non da pesi ingombranti per un’organizzazione sociale che vuole sentirsi libera? Hanno capito che se le RSA e i loro ospiti vengono di fatto abbandonati nel vuoto? Hanno compreso che questo è il primo passo per abbandonare anche altre categorie di persone fragili, ammalate, povere? Le risposte non arriveranno mai, ma sono ugualmente convinto che in questo momento solo un pensiero non continuista permetterà di progettare una vita vera per gli ospiti delle strutture per anziani.

 

Certo, mancano gli operatori, i bilanci sono stati compromessi dal Covid-19 e dalle vicende ad esso correlate, e chi dovrebbe pensare è spesso bloccato dalla retorica del passato (vedi le banalità sempre ripetute attorno all’umanizzazione); non esistono sedi di studio e ricerca dove realmente si possa ipotizzare un futuro di rinascita. Alcuni mondi, però, dovrebbero prendere iniziative coraggiose; penso a quello della cooperazione, a quelli legati alla tradizione religiosa, alle Fondazioni, alle sperimentazioni iniziate in alcune località… c’è ancora un enorme lavoro da compiere, anche creando alleanze con il mondo della ricerca. Non è più il tempo del restauro, ma di nuovi progetti per far vivere bene gli ospiti! In questa prospettiva è necessario offrire una formazione sempre più qualificata a chi lavora, per arricchire maggiormente di competenze la grande generosità dimostrata dagli operatori negli ultimi mesi. Dobbiamo pensare alle RSA come luoghi di vita, dove c’è desiderio ed impegno per rinascere. Cura e vita sono la stessa parola, perché senza cura non c’è vita; ma la cura richiede che anche le comunità locali siano disponibili a correre il rischio, insieme con le loro strutture per anziani, di pensare radicalmente al nuovo. Durante la pandemia abbiamo spesso creduto che non vi fosse più futuro per molte delle nostre realtà; ora, invece, stiamo capendo che c’è spazio tecnico, morale e civile per un nuovo inizio!

 

L’impegno è particolarmente gravoso, anche perché taluni ritengono insormontabili le difficoltà schematicamente riassunte sopra. Dobbiamo però capire che abbiamo davanti a noi sfide terribili (diminuzione drammatica delle nascite, aumento della speranza di vita e del numero di persone anziane portatrici di malattie croniche, la crisi della famiglia tradizionale e quindi delle modalità che storicamente hanno permesso all’anziano di rimanere nel proprio domicilio, la annunciata e probabile crisi a breve dei sistemi di welfare, anche la prevalenza dell’io sul noi che rende impossibili risposte ad alto valore solidaristico). Pensiamo forse di potervi rispondere con qualche lieve modernizzazione del modello tradizionale?

 

Chi legge queste note non pensi che vogliamo fare la rivoluzione; forti dell’esperienza del passato non toccheremo nulla di quanto oggi funziona prima di avere sperimentato alternative ed averne misurato i risultati. Però ci sentiamo impegnati ad offrire agli anziani fragili di domani progetti e risposte che siano davvero importanti per il loro benessere.


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Là dove crescono i cedri

Anni Ottanta, Libano. Il paese è devastato dalla guerra civile e i genitori di Samir decidono di fuggire chiedendo asilo in Germania. Il giovane protagonista cresce così in Europa e costruisce un solido rapporto con il padre, da cui apprende favole e storie straordinarie sulla terra d’origine abbandonata contro la loro volontà. Una notte, la vita serena di Samir cambia per sempre: il padre scompare, nessuno sa dove sia. La famiglia va in frantumi. Vent’anni dopo, perseguitato dall’ossessione di quella perdita, il giovane decide di tornare nella terra dei cedri alla ricerca del padre.

Storia della solitudine. Da Aristotele ai social network

«O beata solitudo, o sola beatitudo!»: un poeta del XVI secolo esalta con questo verso il silenzio e l'isolamento di chi è in grado di mettere le ali e volare verso la solitudine: un ideale paradiso in terra. Ma la vita solitaria può essere anche una maledetta condizione negativa, anticamera della malinconia, della depressione, della follia: un inferno in terra. 

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Uno dei maggiori rischi che in cui si incorre nell’invecchiamento è la demenza senile. Il numero delle persone affette dal morbo di Alzheimer e da altre demenze correlate è in costante crescita.

 

 

Scritto da Lacchi Nives il 22/11/2021

Parola chiave: Demenza senile, Disturbi della memoria, Malattia di Alzheimer, Videogiochi

 

Il sonno riveste un ruolo importante per la salute per tre ragioni: aiuta il corpo a ripristinare le normali funzioni, favorisce una migliore salute mentale e protegge da diabete, malattie cardiovascolari e Alzheimer.

Si ipotizza che durante il sonno il cervello elimini le proteine dannose che si accumulano durante il giorno, come la beta-amiloide e la tau, responsabili della demenza.

Infine, secondo i ricercatori, ciò che importa non sarebbe la quantità del sonno ma bensì la qualità dello stesso, che oscilla tra 4,5 e 6,5 ore ottimali.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 13/11/2021

Parola chiave: Benessere, Disturbi del sonno, Malattia di Alzheimer, Ricerca

 

L‘Inps informa che ora è possibile inviare la domanda di reversibilità della pensione precompilata, grazie al progetto d’innovazione digitale 2021; precisa, infatti, che  il modello di domanda è stato modificato al fine di  facilitare l’acquisizione automatica dei dati.

A seguito della cessazione di una pensione per decesso – prosegue il messaggio – l’Istituto proporrà sull’area MyINPS del coniuge avente causa la domanda precompilata di reversibilità.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 19/11/2021

Parola chiave: Pensionamento, problemi del, Rete informatica, Servizi sociali

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6541 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.