|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
20/11/2021

Fonte
www.spazio50.org

La diminuzione di estrogeni in menopausa potrebbe causare l'Alzheimer nelle donne

Il calo di estrogeni subito dalle donne in menopausa, sembra favorire lo sviluppo della malattia di Alzheimer. Un recente studio,infatti, consiglia di proteggerne una maggiore quantità per proteggersi da questa patologia.

E’ stata proprio una donna la prima paziente alla quale Aloysius Alzheimer ha diagnosticato la malattia e, negli anni successivi, è stato assodato che l’Alzheimer colpisce maggiormente le donne. La conferma si è avuta anche da uno studio del Women’s Brain Project del 2018 pubblicato su Nature.

L’ipotesi di una differenza tra il cervello femminile e quello maschile è stata scartata anche da uno studio dell’Università di Tel Aviv. Una spiegazione possibile potrebbe essere il ruolo che svolgono gli estrogeni sul cervello delle donne. Gli ormoni proteggono sia dalla morte cellulare sia dalle infiammazioni causate dalla formazione di Beta amiloide, l’abbassamento di questi elementi, durante la menopausa rappresenterebbe un rischio per la salute. I ricercatori della Weill Cornell Medicine (Stati Uniti) convengono sull’utilità di una ‘supplementazione’ di estrogeni a scopo protettivo.

Anche se al momento sono solo ipotesi da approfondire e sviluppare è comunque una strada da percorrere per contrastare questa malattia che penalizza soprattutto le donne.

 


(Tratto dall’articolo www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Le RSA oggi sono attrezzate per combattere adeguatamente il Covid

Nella prima ondata di pandemia si è calcolato che all’incirca l’8,5% degli ospiti ricoverati nelle RSA è stato vittima del Covid. Per questa ragione le strutture sanitarie destinate agli anziani sono stati definiti "castelli assediati".

La caffeina potrebbe indicare l’avanzamento della malattia di Parkinson

Uno studio condotto dal professor Alfredo Berardelli, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha evidenziato che i pazienti affetti da malattia di Parkinson, nelle forme moderata e avanzata, presentano nella loro saliva un livello di caffeina inferiore rispetto alle persone sane.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Toronto - 1921. Due ricercatori estraggono dal pancreas di un cane l'insulina e ne testano gli effetti.

Nel 2019 le persone affette da diabete in Italia sono più di tre milioni e mezzo, per quanto riguarda il target specifico gli uomini sono più colpiti rispetto alle donne (6,2% contro 5,5%) e con una prevalenza nella fascia di età 75-79 anni.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 22/01/2022

Parola chiave: diabete

 

Siobhan Daniels è un'ex giornalista londinese della BBC che due anni fa, nel pieno del lockdown, ha deciso di mollare le comodità del suo appartamento e di vendere i suoi averi per intraprendere una vita all'insegna della scoperta del mondo sul proprio camper.

Oggi ha 62 anni e partendo dal suo appartamento nel Kent ha viaggiato in Thailandia, in Argentina, in Nuova Zelanda.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 22/01/2022

Parola chiave: Stili di vita, Storie di vita, Viaggio

 

Tra la Lunigiana e la provincia di La Spezia una rete di iniziative è tenuta assieme da un filo rosso: garantire la permanenza dell’anziano nel proprio contesto di vita, offrire un supporto (anche ai familiari) per ricostruire relazioni sociali interrotte dalla pandemia. A metterla in campo ci pensa il connubio tra i Comuni e le organizzazioni del Terzo Settore.

 

Scritto da Desanti Gianni il 19/01/2022

Parola chiave: Assistenza Domiciliare Integrata, Rete dei servizi, integrazione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6573 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.