|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
22/11/2021

Fonte
www.tgcom24.mediaset.it

I videogiochi aiutano la memoria e riducono il rischio di demenza negli anziani

Uno dei maggiori rischi in cui si incorre nell’invecchiamento è la demenza senile. Il numero delle persone affette dal morbo di Alzheimer e da altre demenze correlate è in costante crescita.

La ricerca dedicata alla condizione degenerativa sta portando a nuove conoscenze sui modi di trattarla, di diminuirne gli effetti e in qualche caso di evitarla in maniera totale.

Uno studio recente ha rilevato che giocare per 30 minuti al giorno ai videogiochi potrebbe ridurre sensibilmente il rischio di demenza negli over 65.  I ricercatori, dopo alcun test sottoposti ad anziani tra i 60 e gli 80 anni, hanno dedotto che giochi tridimensionali porterebbero a migliori risultati, rispetto a quelli bidimensionali (tipo i giochi di carte come il Solitario).

A conclusione degli studi eseguiti su persone di diverse età, Gregory West, dell'Université de Montréal, sostiene che: "I videogiochi 3D impegnano l'ippocampo nel creare una mappa cognitiva - o una rappresentazione mentale - dell'ambiente virtuale che il cervello sta esplorando. Diversi studi suggeriscono che la stimolazione dell'ippocampo aumenta sia l'attività funzionale che la materia grigia in questa regione".


(Tratto dall’articolo www.tgcom24.mediaset.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La caffeina potrebbe indicare l’avanzamento della malattia di Parkinson

Uno studio condotto dal professor Alfredo Berardelli, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha evidenziato che i pazienti affetti da malattia di Parkinson, nelle forme moderata e avanzata, presentano nella loro saliva un livello di caffeina inferiore rispetto alle persone sane.

La caffeina potrebbe indicare l’avanzamento della malattia di Parkinson

Uno studio condotto dal professor Alfredo Berardelli, I.R.C.C.S. Neuromed di Pozzilli (IS) e Università Sapienza di Roma, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha evidenziato che i pazienti affetti da malattia di Parkinson, nelle forme moderata e avanzata, presentano nella loro saliva un livello di caffeina inferiore rispetto alle persone sane.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Toronto - 1921. Due ricercatori estraggono dal pancreas di un cane l'insulina e ne testano gli effetti.

Nel 2019 le persone affette da diabete in Italia sono più di tre milioni e mezzo, per quanto riguarda il target specifico gli uomini sono più colpiti rispetto alle donne (6,2% contro 5,5%) e con una prevalenza nella fascia di età 75-79 anni.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 22/01/2022

Parola chiave: diabete

 

Siobhan Daniels è un'ex giornalista londinese della BBC che due anni fa, nel pieno del lockdown, ha deciso di mollare le comodità del suo appartamento e di vendere i suoi averi per intraprendere una vita all'insegna della scoperta del mondo sul proprio camper.

Oggi ha 62 anni e partendo dal suo appartamento nel Kent ha viaggiato in Thailandia, in Argentina, in Nuova Zelanda.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 22/01/2022

Parola chiave: Stili di vita, Storie di vita, Viaggio

 

Tra la Lunigiana e la provincia di La Spezia una rete di iniziative è tenuta assieme da un filo rosso: garantire la permanenza dell’anziano nel proprio contesto di vita, offrire un supporto (anche ai familiari) per ricostruire relazioni sociali interrotte dalla pandemia. A metterla in campo ci pensa il connubio tra i Comuni e le organizzazioni del Terzo Settore.

 

Scritto da Desanti Gianni il 19/01/2022

Parola chiave: Assistenza Domiciliare Integrata, Rete dei servizi, integrazione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6573 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.