|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.spazio50.org
04/01/2022

Con l'assistente vocale gli anziani si sentono meno soli

Sembra che l’impiego di un assistente vocale come Alexa possa aiutare a ridurre il senso di solitudine degli anziani. A dirlo è uno studio condotto dal Centro di ricerca dell’Università Cattolica EngageMinds HUB, in collaborazione con DataWizard e con il contributo di Amazon. 

I ricercatori hanno svolto l’indagine su un campione di 60 uomini e donne – senior e anziani- quindi di età compresa tra i 65 e gli 80 anni, a cui hanno consegnato l’assistente vocale. Il risultato parla chiaro: tre persone su quattro raccontano di benefici.

Dal punto di vista emotivo, il 52% degli intervistati ha dichiarato di aver mantenuto un elevato stato di benessere anche nelle settimane successive alla sperimentazione. Ma di tutto rilievo è stato anche l’impatto sulle relazioni sociali perché dopo la sperimentazione, ben il 62% degli intervistati ha avuto la sensazione di sentirsi meno solo e il 98% ha espresso una maggior volontà di comunicare con altre persone mediante le nuove tecnologie.


(Fonte: www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

IL RAPPORTO TRA ANZIANI E NUOVE TECNOLOGIE

Un’indagine condotta in collaborazione tra la Scuola Superiore di Pisa e il Laboratorio di tecnologie  sociali dello SPI di CGIL,  recentemente presentata in un convegno a Roma dal titolo “SocioTechLab”, evidenzia che l’uso di internet è più diffuso di quanto si pensi tra gli anziani.

Lo tsunami che ha trasformato le generazioni

L'autore, settantenne, psicoterapeuta, ripercorre, in un tragitto puntuale e dettagliato, innumerevoli periodi della propria vita, proponendo confronti e chiare dissimilitudini con le nuove generazioni, tracciando una guida non solo per i nipoti, ma per gli adulti e per i suoi coetanei, nonni, educatori a volte inascoltati dai teenagers tecnologici.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uguaglianza, cura, partecipazione. Sono le tre parole chiave che hanno guidato l’impegno di AGE Platform Europe nel 2021.

 

D'Agostino Annarita, www.spazio50.org, 11/04/2022

Parola chiave: Politiche riferite alla popolazione anziana

 

Invecchiare è un processo naturale e fisiologico e pur svolgendosi con modalità diverse a secondo degli individui, rimane di fondamentale importanza affrontare il passare degli anni promuovendo un invecchiamento attivo e sfatando miti e stereotipi che spesso condizionano l’ultima fase della vita.

I fattori che influenzano l’invecchiamento non solo sono genetici e sanitari, ma contano anche i fattori culturali, lo stile di vita, le esperienze fatte, l’aspetto economico, la rete sociale, ambiente e famiglia, la personalità, la resilienza.

 

Caniglia Maria Lucia , www.altraeta.it, 02/05/2022

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Qualità della vita, Stili di vita

 

Il modo in cui si scrive cambia nel tempo e questo potrebbe diventare uno strumento prezioso per intercettare o monitorare a distanza pazienti con problemi neurologici, come Alzheimer o Parkinson.

Lo afferma uno studio coordinato da Antonio Suppa del Dipartimento di Neuroscienze Umane della Sapienza Università di Roma.

 

Bonfranceschi Anna Lisa, www.repubblica.it, 17/05/2022

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Tecnologia, Telemedicina

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 192 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.