|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
01/04/2022

Le RSA: attenzione alle aperture. Devono essere fatte con prudenza, ma anche con decisione.

Il contributo di Marco Trabucchi

 

La vita delle RSA resta al centro del nostro interesse sociale. Abbiamo sofferto con loro nel momento della drammatica crisi e le abbiamo accompagnate in questi anni di faticosa ripresa. Il lento processo di ritorno alla normalità non avviene però in modo omogeneo; molte RSA si trovano ancora in una situazione precaria, perché i focolai di infezione compaiono e scompaiono senza che, il più delle volte, sia possibile identificarne l’origine.

In questa condizione è necessario adottare atteggiamenti particolarmente attenti verso le persone che frequentano le RSA per fare visita ai propri famigliari. Molti di loro hanno trascorso lunghi mesi di disagio e di sofferenza, talvolta anche di rabbia, perché si sono trovati nell’ impossibilità di incontrare i loro cari. Non è la sede per recriminare sul passato; ma in questo momento è doveroso offrire indicazioni per superare una crisi che rischia di durare molto tempo, sebbene a fasi alterne. Alcune situazioni non sono sopportabili da parte delle famiglie e neppure dei residenti, che subiscono sulla loro salute le conseguenze dell’isolamento, che induce ansia, difficoltà nell’alimentazione, insonnia, talvolta anche aumento delle problematiche cognitive.

Schematicamente mi permetto di sottoporre alcune indicazioni per migliorare i contatti dei famigliari con i residenti, partendo dall’idea di fondo che si tratta di un rapporto indispensabile per la reciproca serenità, oltre che per il benessere psicofisico. Sono frutto di una serie di indicazioni inviate all’Associazione di Psicogeriatria da parte di attori che in questi mesi hanno giocato un ruolo importante per organizzare modalità di presenza dei famigliari il più possibile umane e destinate a ridurre le sofferenze. Inoltre, sono modalità che possono essere gestite da parte delle strutture con qualche sacrificio, ma senza scardinare le loro normali attività di tutti i giorni.

Un primo punto riguarda l’accoglienza del nuovo residente; gli operatori della RSA hanno ben chiaro che si tratta di un momento di passaggio delicatissimo per la persona fragile e con un disturbo cognitivo, che continua a ripetere “voglio andare a casa” anche se non comprende cosa sta avvenendo. E’ un passaggio critico anche per il famigliare che vive momenti di profondo turbamento, perché sente sulla propria pelle che si tratta della rottura definitiva di un rapporto simbiotico che durava dalla nascita. Nei primi momenti la stanza di residenza sembrerà al parente sempre inadeguata, il comfort insufficiente, limitata l’attenzione verso le esigenze espresse e inespresse; spetta allora all’operatore che accoglie mostrare intelligenza, pazienza, serenità, gentilezza e determinazione. Dovrà anche essere in grado di confermare nella realtà quello che è stato promesso al famigliare al momento di stilare il contratto (per esempio, riguardo al numero dei letti per stanza). Nel periodo immediatamente seguente l’accoglienza sarà necessario concedere ai famigliari la possibilità di visita al proprio caro con una certa elasticità, adattando le regole a quanto si intuisce rispetto alla loro pesante difficoltà psicologica di accettare la nuova situazione. E’ inoltre molto importante documentare con precisione le attività che caratterizzano la giornata del residente, riferendo con attenzione sull’alimentazione, le eventuali sedute di fisioterapia, le attività sociali e di stimolazione. Seppure qualche errore possa essere giustificabile sul piano organizzativo, questi sono assolutamente negativi rispetto alla costruzione di un rapporto di fiducia; il parente ha sempre, e giustamente, antenne molto attente ed è in grado di intuire se le informazioni sono o meno aderenti al vero. Qualsiasi errore nella trasmissione dei dati viene interpretato come conseguenza di una sostanziale disattenzione verso l’anziano, al quale la struttura non sarebbe in grado di garantire un minimo di protezione e di benessere.

Inizia poi il periodo di adattamento, sempre difficile; è il tempo nel quale la correttezza delle informazioni, la gentilezza nel rapporto, se ritenuto necessario, anche un supplemento di attenzione permettono di instaurare un rapporto positivo, che potrà durare in un’atmosfera di reciproca attenzione e generosa collaborazione.

Nei prossimi anni assisteremo ad un continuo aumento della domanda di ospitalità nelle RSA; lo scenario complessivo delle nostre comunità richiederà quindi di poter disporre di strutture adeguate alle nuove richieste. Ritengo che la problematica dell’apertura ai famigliari, cioè dell’apertura al mondo esterno, continuerà a rappresentare una sfida centrale di questo progresso. La ricerca quindi di modalità adeguate dovrà essere sempre più sviluppata e tutti dovremo partecipare alla definizione di servizi aperti, efficienti, senza inutili barriere. Non si deve pensare che si tratti solo di vicende per addetti ai lavori; ogni cittadino deve sentirsi impegnato su questa strada.

 

 

 


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

I ricordi modificano il cervello: lo rivela uno studio condotto sui pesci zebra

Uno studio condotto nell’Università del South Carolina ha rivelato che la formazione di  un ricordo distrugge le vecchie sinapsi (contatto funzionale tra due cellule nervose) e ne crea nuove in una regione diversa del cervello.

Lo studio potrebbe aiutare a capire come mai alcuni ricordi restino indelebili mentre altri vengano cancellati.

Zainab conquista New York

Una stagista africana a New York, tra dubbi, tentazioni e consigli non richiesti delle sue antenate.

L'indomani, dopo il viaggio più lungo della mia vita, scendo dalla metro all’incrocio tra la Trentatreesima strada e Park Avenue e resto un attimo lì, come nei film – ad assorbire il nuovo mondo che mi aspetta.

Quante tentazioni, New York: impossibile resistere.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Nella terza età dedicarsi ad alcuni passatempi è una vera e propria ginnastica di salute. E’ opportuno scegliere attività che attivano le capacità intellettive. Quali?

Dipingere è un modo per riportare alla luce ricordi ed emozioni e dare voce a una parte di noi stessi, quella che magari ancora ignoriamo. Realizzare ricette fatte in casa si dice che sia la cura dell’anima. L’origami esercita la mobilità delle mani, allena la memoria e dona soddisfazione, rafforzando l’autostima. Riordinare la propria abitazione garantisce il movimento e migliora il comfort quotidiano. Tra le attività più divertenti per stimolare la memoria ci sono i classici giochi enigmistici; una partita a carte rappresenta un momento di convivialità.

 

Scritto da Enza Mathieu il 06/04/2022

Parola chiave: Tempo libero, hobbies

 

Per l’anno 2024 la Capitale Italiana della Cultura sarà Pesaro, città natale di Gioachino Rossini.

Il sindaco Ricci ha dedicato questa la vittoria a Kharkiv ‘Città ucraina della musica Unesco, come noi’. Ha espresso l’augurio che questa città possa presto ritrovare la pace e tornare a suonare.

 

Scritto da Lacchi Nives il 07/04/2022

Parola chiave: Contesto urbano, Cultura e informazione: fruizione e richiesta, Danza, canto, recitazione, musica

 

Come evidenziato in occasione della giornata dell’Invecchiamento attivo, celebrata lo scorso 22 aprile, i senior di oggi sono sempre più attivi rispetto al passato sia nel volontariato, nella partecipazione sociale, nell’utilizzo delle nuove tecnologie e in moltissimi altri campi della cultura ed economia.

 

Scritto da Dellavedova Antonella il 11/05/2022

Parola chiave: Atteggiamento verso invecchiamento, Politiche riferite alla popolazione anziana, Silver Economy

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6630 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.