|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.spazio50.org
11/04/2022

In prima linea per l'uguaglianza fra generazioni: il rapporto AGE Platform Europe 2021

Uguaglianza, cura, partecipazione. Sono le tre parole chiave che hanno guidato l’impegno di AGE Platform Europe nel 2021.

Numerosi i temi sociali ed economici su cui si sono concentrate le iniziative della rete a tutela degli anziani. Fra questi, particolarmente significativo l’impegno per combattere la discriminazione basata sull’età nei luoghi di lavoro. Fondamentali anche le mobilitazioni per valorizzare la disabilità, anche con l’uso della tecnologia e il ruolo delle donne anziane.

Insieme all’organizzazione non governativa “Finance Watch”, AGE ha promosso la prima indagine europea sull’accesso delle persone anziane ai servizi finanziari. Dall’analisi è emerso come l’età, la digitalizzazione e la povertà rappresentino le principali barriere per l’accesso degli anziani a servizi e strumenti finanziari.

Il rapido invecchiamento della popolazione europea e le drammatiche conseguenze della pandemia sui servizi residenziali e di cura delle persone anziane rendono urgente ripensare i modelli di cura a lungo termine e di sostegno all’invecchiamento attivo. Occorre una nuova visione della cura dell’anziano  basata sulla realizzazione concreta dei diritti all’autonomia e all’indipendenza.

Rilanciare la partecipazione delle persone anziane è un fattore chiave per affrontare il cambiamento demografico; gli anziani sono una parte vibrante delle nostre società, cruciali nelle iniziative di solidarietà, fucina di esperienze e competenze anche dopo il pensionamento.

 


(Fonte: www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Il caldo non concede pause. Come difenderci

Il caldo ha effetti negativi sulla salute, perché mette in difficoltà diversi sistemi biologici. Ciascuno di noi, pur con grandi differenze dovute alla personale condizione, deve mettere in atto alcune regole, seguendo un regime di vita adatto, caratterizzato dall’assunzione abbondante di liquidi (in media non meno di un litro e mezzo al giorno), da una dieta leggera ma nutriente, fatta di molta frutta e verdura, da primi piatti abbondanti conditi senza grassi, da poca carne, pochissimo alcool e caffè in quantità moderata.

L'intelligenza artificiale previene il rischio di infortuni domestici

Seremy è una start-up che ha elaborato un braccialetto elettronico salvavita collegabile ad uno smartphone attraverso un'applicazione che, attraverso dei sensori (accelerometro, giroscopio, magnetometro), è in grado di rilevare i movimenti fisici dell'utente e allertare immediatamente i caregiver in caso di cadute con grave impatto al suolo.

Le cadute sono un fenomeno frequente durante la terza età, portando frequentemente a fratture.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uguaglianza, cura, partecipazione. Sono le tre parole chiave che hanno guidato l’impegno di AGE Platform Europe nel 2021.

 

D'Agostino Annarita, www.spazio50.org, 11/04/2022

Parola chiave: Politiche riferite alla popolazione anziana

 

Invecchiare è un processo naturale e fisiologico e pur svolgendosi con modalità diverse a secondo degli individui, rimane di fondamentale importanza affrontare il passare degli anni promuovendo un invecchiamento attivo e sfatando miti e stereotipi che spesso condizionano l’ultima fase della vita.

I fattori che influenzano l’invecchiamento non solo sono genetici e sanitari, ma contano anche i fattori culturali, lo stile di vita, le esperienze fatte, l’aspetto economico, la rete sociale, ambiente e famiglia, la personalità, la resilienza.

 

Caniglia Maria Lucia , www.altraeta.it, 02/05/2022

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Qualità della vita, Stili di vita

 

Il modo in cui si scrive cambia nel tempo e questo potrebbe diventare uno strumento prezioso per intercettare o monitorare a distanza pazienti con problemi neurologici, come Alzheimer o Parkinson.

Lo afferma uno studio coordinato da Antonio Suppa del Dipartimento di Neuroscienze Umane della Sapienza Università di Roma.

 

Bonfranceschi Anna Lisa, www.repubblica.it, 17/05/2022

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Tecnologia, Telemedicina

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 192 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.