|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.spazio50.org
03/04/2022

Primo rapporto Barometro Alzheimer.

Si chiama Barometro Alzheimer il progetto realizzato da Deloitte e Biogen con la collaborazione di un Comitato Scientifico di esperti di organizzazioni e società scientifiche.

L’obiettivo del progetto è quello di individuare i percorsi del paziente e di valutare le possibili aree di intervento per operare in tempi rapidi su chi soffre di patologie legate al declino cognitivo.

La malattia di Alzheimer, anche se ancora non è stata individuata una terapia farmacologica in grado di bloccarne i sintomi, è considerata, grazie agli studi conseguiti recentemente, una patologia che se presa in tempo può essere rallentata e modificata nella sua progressione. Per questa ragione un ruolo importante lo svolgono i famigliari e caregiver che vivono a fianco delle persone anziane. E’ attraverso le loro indicazioni che si è in grado di diagnosticare tempestivamente l’insorgere della malattia. Di conseguenza l’approccio con il Medico di Medicina Generale, che deve essere oggetto di una formazione aggiornata e costante sul tema e la possibilità di riferirsi a Centri in cui si possano eseguire i test cognitivi diventa fondamentale.

La possibilità di incrementare del 12% le macchine per la Risonanza Magnetica Nucleare, del 23% quelle per PET e del 57% le strumentazioni per l’analisi del liquido Cefalo-Rachidiano deve essere considerata necessaria per contrastare la demenza in tutti i suoi aspetti così come necessaria è la formazione del personale che opera sulla strumentazione.

Per il Comitato scientifico che ha collaborato al progetto, Barometro Alzheimer rappresenta un primo passo verso la comprensione più ampia della malattia e del suo impatto sul sistema salute. L’auspicio è che solo coinvolgendo tutte le parti in gioco, cittadini e professionisti, sarà possibile costruire una vera cultura della prevenzione.


(Fonte: www.spazio50.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Indagine sui rapporti tra nonni e nipoti nel tempo del Covid

L’Associazione Nestore ha condotto una ricerca sul vissuto dei ragazzi dell’Istituto Superiore Gentileschi di Milano nel periodo Covid. 

Tali dati suggeriscono che le relazioni nonni-nipoti possono essere molto rilevanti anche quando i ‘bambini’ crescono e affrontano le tensioni e del difficoltà legate all’adolescenza, tipologia di relazioni meno analizzata di quella tra nonni e nipoti bambini.

NEXT AGE, il primo progetto in Europa rivolto a sostenere le startup che forniscono prodotti e servizi dedicati alla “silver economy”

l progetto, finanziato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze attraverso CDP Venture Capital,  punta a sostenere  le imprese innovative aventi come target di riferimento gli over 50 in tutti i campi di attività, dal benessere alla salute, dall’abitare all’assistenza, dal tempo libero alla mobilità, dal turismo ai servizi finanziari e assicurativi.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uguaglianza, cura, partecipazione. Sono le tre parole chiave che hanno guidato l’impegno di AGE Platform Europe nel 2021.

 

D'Agostino Annarita, www.spazio50.org, 11/04/2022

Parola chiave: Politiche riferite alla popolazione anziana

 

Invecchiare è un processo naturale e fisiologico e pur svolgendosi con modalità diverse a secondo degli individui, rimane di fondamentale importanza affrontare il passare degli anni promuovendo un invecchiamento attivo e sfatando miti e stereotipi che spesso condizionano l’ultima fase della vita.

I fattori che influenzano l’invecchiamento non solo sono genetici e sanitari, ma contano anche i fattori culturali, lo stile di vita, le esperienze fatte, l’aspetto economico, la rete sociale, ambiente e famiglia, la personalità, la resilienza.

 

Caniglia Maria Lucia , www.altraeta.it, 02/05/2022

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Qualità della vita, Stili di vita

 

Il modo in cui si scrive cambia nel tempo e questo potrebbe diventare uno strumento prezioso per intercettare o monitorare a distanza pazienti con problemi neurologici, come Alzheimer o Parkinson.

Lo afferma uno studio coordinato da Antonio Suppa del Dipartimento di Neuroscienze Umane della Sapienza Università di Roma.

 

Bonfranceschi Anna Lisa, www.repubblica.it, 17/05/2022

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Tecnologia, Telemedicina

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 192 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.