|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
06/06/2022

Fonte
spazio50

Dormire con la tv accesa è un problema per la salute

Una ricerca sperimentale pubblicata sulla rivista Pna (Proceedings of the National Academy of Sciences) afferma che dormire con la luce accesa può alterare il metabolismo del glucosio.

La ricerca ha preso in esame un campione di 20 soggetti divisi in due gruppi: il primo sottoposto a una luce fioca nel sonno e il secondo a una luce intensa. I soggetti dopo il sonno sono stati sottoposti a test per valutare la presenza di ormoni legati sia al sonno e altri legati allo stress.

Secondo i ricercatori dell’Illinois, dormire con una luce accesa, aumenta le fasi di sonno leggero non-REM, con conseguenze sia sul sonno REM sia sul sonno non REM, sperimentando un riposo più leggero e meno rilassante.

Non solo: un'esposizione alla luce durante il sonno aumenta i tassi di cortisolo, il principale ormone dello stress, e accellera la frequenza cardiaca, con una maggiore sensibilità al glucosio e una maggiore probabilità di sviluppare diabete.

Perciò, le persone a rischio di diabete, di ipertensione arteriosa o di obesità, devono far attenzione a non dormire troppo a lungo con la luce accesa oppure davanti allo schermo della tv.


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Effetti rigenerativi sul cervello della visione del tramonto

Dei sensori ambientali applicati su una persona che guarda il tramonto rivelano un effetto rigenerativo sul cervello, andando a sollecitare alcune aree legate a processi di mindfulness, meditazione, rilassamento profondo.

Longevita e diabete

Uno studio condotto dall'Università di Pittsburgh (Usa), pubblicato su Frontiers in Clinical Diabetes and Healthcare, ha dimostrato che far parte di una famiglia di longevi diminuisce il rischio di sviluppare il diabete di tipo II.

Gli scienziati hanno mostrato che le persone che vivono in famiglie longeve condividono dei biomarcatori che li rendono più reattivi all'insulina anche in età avanzata. Questi biomarcatori derivano in parte dal corredo genetico ma possono essere sviluppati anche stando a contatto con persone che scelgono di vivere in maniera virtuosa.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Una ricerca del Weizmann Institute of Science e pubblicata sulla rivista scientifica Cell ha dimostrato che saccarina e sucralosio, due dolcificanti artificiali, alterano la flora intestinale e i livelli glicemici causando potenzialmente diabete e aumento di peso.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 19/09/2022

Parola chiave: Alimentazione, Benessere, Ricerca

 

Una recente ricerca sugli effetti dell’attività fisica, condotta su un campione di donne di età compresa tra i 60 e i 70 anni, ha evidenziato che l’inserimento nei programmi di allenamento di una componente di stretching, è in grado di generare importanti miglioramenti in tutti gli ambiti di funzionalità motoria.

 

Scritto da Dellavedova Antonella il 16/06/2022

Parola chiave: Attività fisica, Ricerca

 

La Cooperativa “La Meridiana” di Monza ha realizzato una piattaforma digitale, chiamata Isidora, per migliorare il benessere delle persone anziane presso il loro domicilio o le strutture residenziali. Oggi si presenta come un canale tv tematico che propone svago, attività cognitive e motorie ma che, in una logica di interattività, attraverso strumenti di telemedicina permette di raccoglie informazioni sanitarie.

 

Scritto da Desanti Gianni il 04/08/2022

Parola chiave: Assistenza Domiciliare, Tecnologia, Televisione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6687 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.