|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
08/08/2022

Fonte
spazio50

Viaggiare: una necessità dell'umanità

Viaggiare per l'uomo è sempre stato un bisogno. Inizialmente il viaggio è nato per scopi commerciali, militari, religiosi ma con il tempo si è trasformato in un'attività ricreativa.

La villeggiatura è nata in epoca romana per le classi più abbienti che potevano permettersi di trascorrere del tempo al di fuori delle proprie abitazioni, in luoghi di incanto paesaggistico a scopo termale e di ristoro.

Il viaggio come forma di arricchimento personale si è diffuso tra gli aristocratici e gli intellettuali nel XVIII secolo con il Grand Tour, un itinerario europeo che tocca le principali aree di interesse artistico e culturale che aveva come meta principale il nostro Bel Paese.

Nel Novecento, con lo sviluppo della società di massa, le vacanze diventano sempre più a portata di tutti e questo fenomeno si è diffuso ancora di più nel nuovo millennio grazie ai viaggi low cost e ad Internet.

Viaggiare è un bisogno dell'umanità ed è una forma di appagamento personale e oggi è stato confermato anche da una ricerca della Cornell University: "viaggiare aumenta la felicità, ci rende più saggi, più aperti e più flessibili".

Il viaggio, la scoperta di nuovi luoghi e nuove culture, il desiderio di fare nuove amicizie, non sono bisogni solo dei giovani ma è una necessità che permane anche dopo la pensione. Difatti, sempre più sono gli anziani over 65 che grazie al tempo libero e alla disponibilità economica, decidono di intraprendere un viaggio per poter soddisfare la sete di conoscenza e di nuove esperienze.


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Salute dell'intestino

Consapevole che circa 1 italiano su 2 non si sottopone a screening preventivi, Aigo ha invitato i 2000 medici soci a esporre, presso le proprie strutture ospedaliere, il volantino realizzato appositamente per educare all’autovalutazione del proprio fattore di rischio, rispondendo a 4 semplici domande: Qual è la tua età? Hai sintomi? Hai casi di familiarità? Hai già avuto malattie dell’apparato digerente?

Reduci. Quando il Covid entrò in RSA

Per capire quello che è successo nelle RSA dopo l'arrivo del Covid non basta aver letto i giornali, serve piuttosto prestare ascolto a chi ha avuto il coraggio di raccogliere i momenti più duri e di raccontarli da dentro, attraverso un linguaggio emotivo e lontano dalla faziosità di certe cronache.

Così nasce Reduci: da un direttore di struttura che risponde «eccomi» alla sua Comunità e che decide di farsi presenza fisica, emotiva e professionale per il personale sociosanitario, per gli anziani e per le famiglie, trasformando tutti gli accaduti di quei giorni in una storia che riesce a essere, allo stesso tempo, anche una testimonianza di prima mano sullo stravolgimento portato dalla pandemia.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Una ricerca del Weizmann Institute of Science e pubblicata sulla rivista scientifica Cell ha dimostrato che saccarina e sucralosio, due dolcificanti artificiali, alterano la flora intestinale e i livelli glicemici causando potenzialmente diabete e aumento di peso.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 19/09/2022

Parola chiave: Alimentazione, Benessere, Ricerca

 

Una recente ricerca sugli effetti dell’attività fisica, condotta su un campione di donne di età compresa tra i 60 e i 70 anni, ha evidenziato che l’inserimento nei programmi di allenamento di una componente di stretching, è in grado di generare importanti miglioramenti in tutti gli ambiti di funzionalità motoria.

 

Scritto da Dellavedova Antonella il 16/06/2022

Parola chiave: Attività fisica, Ricerca

 

La Cooperativa “La Meridiana” di Monza ha realizzato una piattaforma digitale, chiamata Isidora, per migliorare il benessere delle persone anziane presso il loro domicilio o le strutture residenziali. Oggi si presenta come un canale tv tematico che propone svago, attività cognitive e motorie ma che, in una logica di interattività, attraverso strumenti di telemedicina permette di raccoglie informazioni sanitarie.

 

Scritto da Desanti Gianni il 04/08/2022

Parola chiave: Assistenza Domiciliare, Tecnologia, Televisione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6687 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.