|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
05/10/2022

Fonte
spazio50

Arteterapia: quando l'estetica salva la memoria

Il Policlinico di Palermo in collaborazione con l'Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell'Identità siciliana ha individuato Palazzo Abatellis di Palermo come sede di un progetto sperimentale di arteterapia.

Il progetto accoglie 15 pazienti affetti da demenza con i loro caregiver ogni 16 giorni, per seguire delle sedute di arteterapia.

La finalità delle sedute è di limitare le terapie farmacologiche nel trattamento della demenza, per cercare di recuperare parte della memoria autobiografica stimolando l'ippocampo.

Difatti, è stato dimostrato dal Centro Alzheimer di Fondazione Roma che coinvolgere i pazienti affetti da malattie neurodegenerative in attività artistiche può rallentare il decorso delle stesse, grazie all'aumento dell'autostima e del tono dell'umore.

Oltre all'ammirazione delle opere i pazienti geriatrici seguiranno dei "laboratori esperienziali" tenuti da esperti d'arte e psicologi, che aiuteranno gli anziani a realizzzare la propria opera d'arte personale.


(Sintesi redatta da: Sonia Faraglia)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Fondamentale il supporto infermieristico nella terapia farmacologica in pazienti anziani

Da una recente revisione che ha analizzato l’efficacia degli interventi unicamente infermieristici, o in collaborazione con altri operatori sanitari, nel migliorare la compliance alla terapia farmacologica in pazienti anziani ricoverati (o recentemente dimessi)si evince che gli interventi unicamente infermieristici e quelli collaborativi hanno migliorato l’aderenza alla terapia nei pazienti anziani..

Parkinson: la perdita di peso in fase precoce puo' alterare le capacita' di pensiero

Una ricerca condotta nell'ospedale di Seul (Corea del Sud)guidata da Jin-Sun Jun, e pubblicata da Neurology, ha dimostrato che la perdita di peso in fase precoce di diagnosi di Parkinson aumenta la probabilità di declino cognitivo.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

In questi giorni ho partecipato a un convegno dedicato a valorizzare il ruolo degli operatori delle RSA provenienti dall’Africa. Il titolo dell’incontro, “Brescia e il nuovo volto dell’Africa che cura”, esprimeva l’impegno ad analizzare le modalità e il valore della collaborazione offerta agli ospiti delle RSA dai migranti, in particolare quelli provenienti dall’Africa sub sahariana.

 

Scritto da Trabucchi Marco il 30/06/2023

Parola chiave: Cura, Immigrazione, emigrazione

 

Il Governo Meloni, nella manovra dello scorso dicembre, ha approvato dei provvedimenti per portare le pensioni minime a 600€ e aggiungere un mese di congedo parentale retribuito all'80% per i neogenitori.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 12/05/2023

 

Fondazione Cariplo, attraverso il bando Welfare in ageing, ha finanziato 17 progetti a carattere innovativo per un valore complessivo di 8,5 milioni di euro. Tre progetti in particolare sono legati al tema demenza e Alzheimer e 14 progetti riguardano il supporto alle famiglie fragili.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 12/05/2023

Parola chiave: Caffè Alzheimer, Malattia di Alzheimer

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 6763 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.