|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.ilgiornale.it
19/10/2017

L'Italia è il paradiso degli anziani ma per i giovani è un inferno

Pochi giovani e sempre più poveri. Il quadro dell'Italia nell'ultimo Rapporto Ocse offre la visione di un paese dove le disuguaglianze sono sempre più forti. In particolare per quanto riguarda il lavoro e il reddito.

Il divario generazionale è andato crescendo negli ultimi 30 anni fino a diventare un abisso. Tra il 2000 ed il 2016, mentre per gli anziani tra i 55 ed il 64 anni il tasso di occupazione è cresciuto del 23%, per gli adulti di età media, 54-25 anni, è salito solo dell'1%. Ma il dato aberrante è che invece è crollato dell'11 per cento nella fascia dei più giovani, 18-24 anni.

Non solo. A partire dalla metà degli anni '80 il reddito degli anziani tra i 60 e i 64 anni è aumentato del 25 in più rispetto a quello dei trentenni. Il tasso di povertà è cresciuto tra i giovani, mentre è calato rapidamente tra gli anziani.

L'Ocse suggerisce politiche che favoriscano l'inversione di questa tendenza.


(Fonte: www.ilgiornale.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

ISTAT registra un calo di nascite del 25% rispetto il 2008

Secondo i dati registrati dall'Istat nel report Natalità e fecondità della popolazione residente, il calo della fecondità e dei matrimoni sono tra le cause principali della diminuzione del numero di nascite nel 2017 (-15mila rispetto al 2016), in particolare dei primi figli (-25% rispetto al 2008).

Vantaggi della Pet therapy

Ad oggi  sono molti gli studi scientifici che dimostrano i vantaggi della Pet therapy; in particolare nel campo della geriatria e della psicologia. Molte case di riposo introducono animali e un recente studio dell’Università di Parma mostra come, in questi contesti, diminuiscano gli stati di ansia, depressione, apatia, solitudine.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Sono stati premiati dal Maestro Pupi Avati i vincitori di Corti di Lunga Vita, il concorso internazionale di cortometraggi promosso dall’associazione 50&Più.

 

De Felicis Dario, www.centrostudi.50epiu.it, 13/12/2018

Parola chiave: Arte, creatività, Cinema

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Physiology da ricercatori della Ball State University di Muncie (Usa) giunge alle seguente conclusione: allenarsi regolarmente potrebbe aiutare a restare giovani; i settantenni che hanno sempre praticato un’attività fisica avrebbero una salute cardiovascolare simile a quella di chi ha 30 anni di meno.

 

Comerci Nadia, salute24.ilsole24ore.com, 27/11/2018

Parola chiave: Attività fisica, Invecchiamento attivo

 

Rovistare per ore nelle tasche o in borsa alla ricerca degli occhiali, non ricordare di aver chiuso la macchina o dove è parcheggiata, mettere a soqquadro la casa per trovare il telefono. Molti “smemorati” temono che ci sia una correlazione tra dimenticare da giovani e sviluppare patologie come demenza o decadimento cognitivo nella terza età. È una preoccupazione fondata?

 

Turin Silvia, www.corriere.it, 02/12/2018

Parola chiave: Disturbi della memoria, Prevenzione, Stili di vita

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 68 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.