|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.neodemos.info
13/10/2017

Sempre più decessi: invecchiamento longevità e fragilità

Il 2015 fu l’anno nel quale la mortalità registrò una crescita inattesa. Circa 648 mila decessi, 50 mila in più rispetto all’anno prima e comunque lontani dalla media del decennio precedente.

Il dato è stato poi ridimensionato nella sua apparente gravità analizzando la struttura dell'età: il numero degli ultranovantenni è infatti aumentato del 40% tra il 2009 e il 2015 in conseguenza delle forti fluttuazioni delle nascite avvenute novant’anni prima a seguito delle vicende belliche ed epidemiologiche.

Nei prossimi anni saremo di fronte a un veloce processo di invecchiamento della popolazione per effetto dell’ingresso nella terza e quarta età delle affollate generazioni dei baby boomer (i nati dal dopoguerra ai primi anni settanta). L’inevitabile conseguenza sarà un aumento dei decessi nei prossimi decenni che si esaurirà con la conclusione dell'onda lunga di quella lontana demografia generosa. Peraltro saremo in presenza di un aumento della longevità, che porterebbe entro il 2065 la speranza di vita maschile, in Italia, a superare gli 86 anni e quella femminile ad oltrepassare i 90.

E' appurato che l’invecchiamento longevo della popolazione innesca una inevitabile e crescente fragilità per cui fatti eccezionali o episodici come inverni particolarmente freddi, influenze virulente, ondate di calore estive, generano picchi inattesi di decessi “anticipati” di persone che probabilmente sarebbero comunque morte nel breve periodo. Va da sé che tutto ciò è connesso alle condizioni di salute degli anziani che in Italia, dopo i 75-80 anni, presentano un quadro non soddisfacente, peggiore rispetto alla media europea.



(Fonte: www.neodemos.info)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Home and identity in late life. International perspectives

In questo volume alcuni ricercatori propongono diverse analisi intorno al legame tra il proprio domicilio, l'identità e il benessere della persona che invecchia.

Le nostre anime di notte (Our Souls at Night )

Louis Waters, vedovo con la vocazione del cruciverba, abita da sempre accanto a Addie Moore, vedova determinata a farne il ‘compagno di letto’.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

In un'intervista rilasciata all'Aftonbladet, il ministro svedese del welfare Annika Strandhällui ha dichiarato che l’insostenibilità delle spese nell’assistenza sanitaria non deriva dalle cure da prestare al crescente numero di immigrati ma da quelle riservate al crescente numero di persone di una certa età.

 

Gurrado Antonio, www.ilfoglio.it, 30/04/2018

Parola chiave: Welfare, Immigrazione, emigrazione

 

In Italia, l’Inps paga poco meno di 400 mila pensioni estere, mediamente di importo piuttosto basso.

 

Cifoni Luca, www.Il messaggero.it , 11/04/2018

Parola chiave: Qualità della vita, Sistema pensionistico

 

Nell'Italia di oggi sono la colonna della famiglia e spesso mantengono anche figli e nipoti. Le richieste sono multitasking, ma c'è anche il pericolo dello scambio di ruolo tra genitori e figli e il diritto al riposo.

 

Pasolini Caterina, www.repubblica.it, 23/03/2018

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti, Rapporto figli adulti genitori anziani

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 35 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.