|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.neodemos.info
13/10/2017

Sempre più decessi: invecchiamento longevità e fragilità

Il 2015 fu l’anno nel quale la mortalità registrò una crescita inattesa. Circa 648 mila decessi, 50 mila in più rispetto all’anno prima e comunque lontani dalla media del decennio precedente.

Il dato è stato poi ridimensionato nella sua apparente gravità analizzando la struttura dell'età: il numero degli ultranovantenni è infatti aumentato del 40% tra il 2009 e il 2015 in conseguenza delle forti fluttuazioni delle nascite avvenute novant’anni prima a seguito delle vicende belliche ed epidemiologiche.

Nei prossimi anni saremo di fronte a un veloce processo di invecchiamento della popolazione per effetto dell’ingresso nella terza e quarta età delle affollate generazioni dei baby boomer (i nati dal dopoguerra ai primi anni settanta). L’inevitabile conseguenza sarà un aumento dei decessi nei prossimi decenni che si esaurirà con la conclusione dell'onda lunga di quella lontana demografia generosa. Peraltro saremo in presenza di un aumento della longevità, che porterebbe entro il 2065 la speranza di vita maschile, in Italia, a superare gli 86 anni e quella femminile ad oltrepassare i 90.

E' appurato che l’invecchiamento longevo della popolazione innesca una inevitabile e crescente fragilità per cui fatti eccezionali o episodici come inverni particolarmente freddi, influenze virulente, ondate di calore estive, generano picchi inattesi di decessi “anticipati” di persone che probabilmente sarebbero comunque morte nel breve periodo. Va da sé che tutto ciò è connesso alle condizioni di salute degli anziani che in Italia, dopo i 75-80 anni, presentano un quadro non soddisfacente, peggiore rispetto alla media europea.



(Fonte: www.neodemos.info)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Manager per i servizi sociali

Il manager per servizi sociali ha un ruolo manageriale, di coordinamento o responsabilità all’interno di strutture socio assistenziali, centri diurni, servizi per minori, attività di assistenza a domicilio, centri socio riabilitativi, servizi di accoglienza per richiedenti asilo. Il corso permette anche di acquisire la qualifica di ‘Tecnico esperto nella gestione dei servizi’ una figura in grado di configurare l’offerta complessiva dei servizi e di organizzarne il processo di erogazione in funzione delle condizioni specifiche di mercato individuate, in una costanza di rapporto con il cliente/utente.

www.transumanisti.it

Sito dell'Associazione ItalianaTransumanisti (AIT).

Ultimi inserimenti in Periodico

 

La lettura dei cosiddetti big data potrà forse consentire di stabilire con una certa attendibilità la data della morte di una persona; una equipe di Google sta lavorando a questa ipotesi, perfezionando un algoritmo.

 

Sideri Massimo, Corriere della Sera, 20/06/2018

Parola chiave: Dati statistici, Fine vita

 

EPALE (Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa) pubblica un documento sulle case intergenerazionali che si stanno sviluppando in Austria ma che già dal 2006 sono presenti in Germania.

 

Brnthaler Christine, ec.europa.eu, n.,

Parola chiave: Abitazione, Rapporti intergenerazionali

 

In Rete, in questi giorni, hanno suscitato commozione e tenerezza le immagini di anziani soli ripresi nelle più diverse situazioni.

 

Fasano Giusi, , 13/07/2018

Parola chiave: Rete informatica, Social Network

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 49 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.