|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.lastampa.it

È un paese per vecchi artisti

Alla Fondazione Ferrero di Alba ci si interroga sulla longevità. L’Oms ha stimato che nel 2050 circa due miliardi di persone nel mondo avranno più di 65 anni. L’allungamento della vita è una conquista e una sfida, perché non comporta necessariamente una qualità di vita migliore.

Marcello Cesa-Bianchi, la personalità più rappresentativa della Psicologia accademica italiana nella seconda metà del Novecento, alla giornata conclusiva del convegno Invecchiamento di successo 2017: ageing opportunities concentra l’attenzione sulle potenzialità dell’invecchiamento. "Convenzionalmente - spiega il fondatore dell’Istituto di Psicologia della Facoltà Medica dell’Università di Milano - la longevità inizia a 85 anni e si delinea per una notevole variabilità. Ma una funzione, riconosciuta e valorizzata negli ultimi decenni, è quella della creatività".

Il novantunenne professor Cesa-Bianchi porta ad esempio molti personaggi illustri, dal Donatello ultraottantenne che porta a termine il pulpito bronzeo della Chiesa di San Lorenzo, a Michelangelo che poco prima di morire, a 89 anni, lavora alla sua ultima opera, la Pietà Rondanini. E poi Sofocle, Goethe, Saramago. Ma la longevità creativa non è appannaggio esclusivo delle grandi menti e può manifestarsi anche in forme molto semplici e quotidiane come preparare un piatto, tessere una tela, coltivare un fiore o inventare una storia.


(Fonte: www.lastampa.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Depressione e menopausa

In Italia la depressione interessa circa tre milioni di persone e ad esserne più colpite sono le donne.

Anziani dopo i 75 anni

Il congresso nazionale della Società italiana di gerontologia e geriatria che si è tenuto a Roma ha ufficializzato l’età in cui si diventa anziani: 75 anni.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Sono stati premiati dal Maestro Pupi Avati i vincitori di Corti di Lunga Vita, il concorso internazionale di cortometraggi promosso dall’associazione 50&Più.

 

De Felicis Dario, www.centrostudi.50epiu.it, 13/12/2018

Parola chiave: Arte, creatività, Cinema

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Physiology da ricercatori della Ball State University di Muncie (Usa) giunge alle seguente conclusione: allenarsi regolarmente potrebbe aiutare a restare giovani; i settantenni che hanno sempre praticato un’attività fisica avrebbero una salute cardiovascolare simile a quella di chi ha 30 anni di meno.

 

Comerci Nadia, salute24.ilsole24ore.com, 27/11/2018

Parola chiave: Attività fisica, Invecchiamento attivo

 

Rovistare per ore nelle tasche o in borsa alla ricerca degli occhiali, non ricordare di aver chiuso la macchina o dove è parcheggiata, mettere a soqquadro la casa per trovare il telefono. Molti “smemorati” temono che ci sia una correlazione tra dimenticare da giovani e sviluppare patologie come demenza o decadimento cognitivo nella terza età. È una preoccupazione fondata?

 

Turin Silvia, www.corriere.it, 02/12/2018

Parola chiave: Disturbi della memoria, Prevenzione, Stili di vita

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 68 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.