|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.lastampa.it
28/12/2017

Davvero gli anziani dormono meno? A volte, ma la realtà è che dormono male

Gli anziani si addormentano con difficoltà e si svegliano tante volte nel cuore della notte: questo è quanto emerso nel corso del congresso della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg) tenutosi a Napoli.

Sono oltre dieci milioni gli anziani con un disturbo del sonno: dai problemi ad addormentarsi alla sera ai risvegli notturni. Un riposo non ristoratore che ha motivi diversi nei due sessi. Gli uomini tardano ad addormentarsi solitamente per aver mangiato più del dovuto e si svegliano perché devono andare in bagno, le donne invece si avviano al riposo con qualche acciacco di troppo e hanno perlopiù sonni agitati da pensieri, ansie e preoccupazioni.

Di comune, invece, c’è il valore della pennichella: non è questo a compromettere il sonno notturno, per cui chi preferisce riposarsi dopo pranzo continui pure a farlo. In questo modo contribuirà comunque a raggiungere un monte ore sufficiente da destinare al riposo.

Sono suggerite alcune precauzioni per aiutare a riposare meglio: può essere necessario rivedere le terapie in corso perché alcuni farmaci assunti possono compromettere il sonno: è il caso di beta-bloccanti e dei diuretici. Mangiare i carboidrati alla sera e fare una buona attività fisica per almeno 30-40 minuti a giorni alterni sono ottimi rimedi per dormire più rilassati.


(Fonte: www.lastampa.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Bien vieillir grâce au numérique

Il volume indaga su come l'innovazione trasformi la cultura dei servizi e incontri i bisogni e le aspirazioni delle persone che invecchiano.

Comment j’ai surmonté la maladie d’Alzheimer d’un proche

Tre milioni di persone - malati e parenti stretti - sono colpiti dalle conseguenze del morbo di Alzheimer.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

In un'intervista rilasciata all'Aftonbladet, il ministro svedese del welfare Annika Strandhällui ha dichiarato che l’insostenibilità delle spese nell’assistenza sanitaria non deriva dalle cure da prestare al crescente numero di immigrati ma da quelle riservate al crescente numero di persone di una certa età.

 

Gurrado Antonio, www.ilfoglio.it, 30/04/2018

Parola chiave: Welfare, Immigrazione, emigrazione

 

In Italia, l’Inps paga poco meno di 400 mila pensioni estere, mediamente di importo piuttosto basso.

 

Cifoni Luca, www.Il messaggero.it , 11/04/2018

Parola chiave: Qualità della vita, Sistema pensionistico

 

Nell'Italia di oggi sono la colonna della famiglia e spesso mantengono anche figli e nipoti. Le richieste sono multitasking, ma c'è anche il pericolo dello scambio di ruolo tra genitori e figli e il diritto al riposo.

 

Pasolini Caterina, www.repubblica.it, 23/03/2018

Parola chiave: Rapporto nonni nipoti, Rapporto figli adulti genitori anziani

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 35 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.