|

|

|

|

|


Autore

Editore
Key Editore, Vicalvi (Fr) 2015, pp.74

Il consenso informato ai trattamenti sanitari

Si intende contestualizzare all'interno della loro dimensione pratica e teorica i principi fondamentali espressi dalle norme nazionali e comunitarie in materia di autodeterminazione terapeutica, in modo da consentire una rilettura consapevole ed 'efficace' dei più recenti orientamenti assunti dalla giurisprudenza civile sulla responsabilità dei sanitari derivante da violazione del consenso ai trattamenti.


(Fonte: www.ibs.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Convegno congiunto SIGOT-SIGG-AGE - La Geriatria in Emilia Romagna

L’evento è destinato alle seguenti figure professionali per un massimo di 100 partecipanti: Medico Chirurgo (Geriatria; Malattie metaboliche e diabetologia; Medicina fisica e riabilitazione; Medicina Generale (Medici di famiglia); Medicina Interna; Farmacista; Infermiere; Fisioterapista; Assistente sanitario; Psicologo e ha ottenuto n. 7 crediti formativi. I crediti saranno rilasciati esclusivamente ai partecipanti appartenenti alle professioni ed alle discipline indicate che rientreranno nel numero massimo di partecipanti per il quale l’evento è stato accreditato. L'attestazione dei crediti è subordinata alla partecipazione effettiva all'intero programma formativo (nella misura del 100%) ed alla verifica dell'apprendimento (si rammenta che è necessario rispondere esattamente al 75% delle domande presenti nel test). L'attestato di partecipazione, riportante il numero di crediti assegnati, verrà pertanto rilasciato dopo avere effettuato tali verifiche e sarà quindi disponibile non prima di 60 giorni dopo la chiusura dell’evento.

Utilizzare i social aiuta a percepire meno il dolore

Uno studio pubblicato da Journals of Gerontology suggerisce che l'utilizzo dei social media è in grado di far percepire più debolmente il dolore e di conseguenza aiutare gli ammalati che sono a rischio di depressione.

Ultimi inserimenti in Libro

 

Conoscere il mondo della malattia dall'interno dell'animo umano, interrogarsi sul senso, l'accettazione, la perdita, l'espressione stessa della vita quando si è arrivati a quell'ultima tappa cruciale. Occorre un cambiamento globale di visione dell'intera esistenza, per attraversare e accettare questo momento, ma soprattutto sentirsi ancora "oggetto d'amore". E ancora: come una profonda comunicazione affettiva e di contatto con un corpo fragile attraverso le mani sia capace di alleviare la sofferenza della disperazione e perfino la paura della morte, per tornare a far sentire profondamente la vita. Questo è il messaggio è l'intento di questo libro: amare fino all'ultimo respiro.

 

Sabatini Patrizia, Youcanprint, 2018

 

 

De Angelis Marta, Trenta Paolo, Maria Margherita Bulgarini, 2018

 

Negli ultimi decenni la comunità scientifica mondiale si è sempre più focalizzata sull’importanza dell’alimentazione nella prevenzione di molti tipi di malattie cronico-degenerative.

 

Avolio Ennio, Pecorella Claudio, Falco Editore , 2018

Visualizza altri Libri In archivio sono presenti 1702 Libri

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.