|

|

|

|

|


Regia

Marco Calvise

Titolo

Non temere
Con: Francesco Carnelutti, Alessandra Costanzo, Domitilla D’Amico e Virginia Gherardini
Italia, 2016, min.20

Non temere

Giuseppe, malato di Alzheimer ad uno stadio avanzato, è ricoverato in una clinica. Questo è il racconto di una sua giornata, della sua routine, della sua realtà sempre uguale a se stessa, di ogni cosa vissuta sempre come fosse la prima volta.

Come ogni mattina un' infermiera entra nella stanza di Giuseppe per svegliarlo, ma quel giorno Giuseppe ha già gli occhi aperti, ansima, agitato da un inquietante incubo. Così comincia la sua giornata. In mensa, Giuseppe è seduto e gli si avvicina Anna, sua moglie, ma lui non la riconosce. La comunicazione si sviluppa solo attraverso il sentire e le emozioni, poco spazio hanno le parole di Anna, che non riescono a penetrate in quel mondo in cui Giuseppe è rinchiuso. 
Giulia, la figlia di Giuseppe, mettendo da parte il suo dolore, riesce ad entrare in quel mondo. Lo fa attraverso la musica ed un vecchio diario, dove Giuseppe scriveva le sue cose. Sfogliando il diario il morbo prende forma. Più le pagine scorrono e più la scrittura si fa incerta, disordinata, più rada, fino a diventare incomprensibile. In fondo, le pagine bianche segnano il punto di non ritorno. Padre e figlia si guardano negli occhi perdendosi l'uno nell'altra. L'ultima pagina, prima del vuoto, nasconde l’ultimo messaggio di Giuseppe.


(Fonte: www.cinemaitaliano.info)

Per maggiori approfondimenti:
www.cinemaitaliano.info/nontemere

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

www.wemi.milano.it

Wemi.milano.it - la città per il welfare, è la piattaforma cittadina dei servizi domiciliari del comune di Milano.

Ci vediamo domani

Marcello Santilli è uno spiantato sempre in cerca dell'occasione per "svoltare" la propria esistenza popolata da una ex moglie, una figlia che considera il padre "il bruco nella sua mela" e una nonna che l'ha cresciuto in assenza dei genitori, e che continua a chiedergli se gli affari vanno bene (sapendo che non è mai così).

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Jean, Annie, Albert, Jeanne e Claude sono amici da quattro decenni. Due coppie sposate e un single impenitente, tutti ultrasettantenni, alle prese con le malattie del cuore, delle cellule o della memoria.

 

Regia di Robelin Stphane, Francia, Germania, 2011

 

“Florida”, l’ultimo film di Philippe Le Guay (“Molière in bicicletta”, “Le donne del sesto piano”), mette in scena il difficile rapporto tra una figlia e un padre anziano che mostra i primi segni di demenza.

 

Regia di Le Guay Philippe, Francia, 2015

 

Sempre in cerca di occasioni per parlare di vecchiaia con l’aiuto del cinema, che con la sua folgorante immediatezza riesce a farci risparmiare tante parole, mi imbatto in questa pellicola di Nick Cassavetes, una decina d’anni dopo averla vista, sopra pensiero, la prima volta. Consulto le due enciclopedie del cinema che abitano su uno scaffale di casa mia, con il solo scopo di riferirne correttamente nomi degli attori e anno di creazione, e trovo da una parte una stroncatura, dall’altra, dopo titolo, regia, interpreti e data, nulla. L’opera viene giudicata tanto scadente da non meritare una sola parola.

 

Regia di Cassavetes Nick, USA, 2004

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 274 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.