|

|

|

|

|


Regia

Michael Rubbo

Titolo

Io e Vincent - Vincent et moi
Con: Nina Petronzio, Christopher Forrest, Paul Klerk
Canada, Francia, 1990, min.100

Io e Vincent - Vincent et moi

Jo, una ragazza del Québec di tredici anni, è appassionata di disegno e ama il pittore Vincent van Gogh. Con una borsa di studio, ha lasciato il suo villaggio per frequentare le lezioni in una scuola di belle arti della grande città di Montréal.

Un giorno, Jo vende uno dei suoi disegni ad un uomo incontrato per caso in un caffè. Qualche tempo dopo, Jo si rende conto, attraverso la consultazione una rivista d'arte, che il suo disegno è stato venduto come un disegno di gioventù del suo idolo Vincent van Gogh. Jo parte quindi per Amsterdam cercando l'impostore. L'unica cosa da fare per Jo e i suoi amici è arrivare a Amsterdam e trovare l'uomo che ha compiuto la truffa. O meglio ancora, andare direttamente alla fonte e parlare con lo stesso Vincent van Gogh nella Arles del XIX secolo e parlare anche con l'unica persona vivente che l'ha conosciuto, Jeanne Calment.


(Fonte: en.wikipedia.org)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

MASTER Tecniche e strumenti per la progettazione educativo e riabilitativa per persone affette da demenza

Il Master in Progettazione e implementazione di programmi educativo-riabilitativi per persone affette da demenza rappresenta una proposta formativa che non può essere tralasciata dai professionisti che vogliono avere tra le loro competenze l’utilizzo di strumenti e conoscenze per l’implementazione di programmi educativo-riabilitativi specifici per questo tipo di utenza.

La memoria dell'albero

Joan e Jan, nonno e nipote, sono legati da un filo indissolubile. Per questo Jan fa salti di gioia quando viene a sapere che i nonni lasceranno Vilaverd per trasferirsi a Barcellona, a casa sua. Ma, con i sensi acuti tipici dell'infanzia, non tarda a capire che qualcosa non va.

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Leo, Bruno e Zvi crescono in un villaggio ebraico della Polonia di inizio Novecento innamorati della stessa ragazza, la bellissima e volubile Alma, che promette a tutti e tre di sposarli, uno dopo l'altro.

 

Regia di Radu Mihaileanu, Francia, Canada, Romania, USA, 2016

 

Scopo del corto, attraverso una trama a incastro, è indurre lo spettatore a riflettere non solo sul mondo perduto del malato di Alzheimer, ma su chi di quel mondo faceva parte e si trova, quando la malattia giunge quasi al suo culmine, tagliato fuori da quell’esistenza, da quei ricordi.

 

Regia di Toscani Mario, Italia, 2015

 

Le lussuose e verdeggianti villette a schiera d'Inghilterra non sono poi così perfette come sembrano. La signora Sandra, che ama farsi chiamare "Lady Abbott", lo scoprirà molto presto. Suo malgrado.

 

Regia di Loncraine Richard, Gran Bretagna, 2017

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 310 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.