|

|

|

|

|


Regia

Madden John

Titolo

Marigold Hotel
Con: Judi Dench, Bill Nighy, Penelope Wilton, Dev Patel, Celia Imrie
USA, 2012, min.123

Marigold Hotel

Appena due stellette e mezzo su cinque è il giudizio che la più importante enciclopedia del cinema assegna a questo film sulla cosiddetta terza età. Forse perché i protagonisti delle ben sette storie di vita che vi si intrecciano sono tutti alla ricerca della felicità attraverso il cambiamento.

Poco verosimile, certo, come scenario estensibile a quella parte della grande massa grigia degli anziani delusi che, la felicità, non hanno neppure più la forza di cercarla. Ma consolante per tutti coloro che intravedono nel pur improbabile lieto fine un barlume di speranza.
Anche le favole non sono verosimili, eppure spesso e volentieri traggono valore proprio dalla speranza che riescono a trasmettere a chi ne entra in contatto.

Marigold Hotel vede imbarcati sullo stesso volo dall’Inghilterra a Mumbai un gruppo di anziani alla ricerca di dare una svolta alle loro vite. 
C’è una vedova che deve fare i conti non soltanto con la perdita del marito, ma anche con i debiti che lui le ha lasciato; c’è Muriel (Maggie Smith) governante da sempre in una casa di ricchi, licenziata da vecchia ma solo dopo aver ultimato la formazione della giovane che le succederà. Ci sono Douglas e Jean, una coppia in crisi che ha lasciato ogni risparmio alla figlia per finanziare un suo progetto; c’è Graham, scopertosi omosessuale 50 anni prima grazie ad una intensa e non dimenticata relazione con un coetaneo indiano; ecc. ecc. Si ritrovano tutti al Marigold Hotel, l’albergo gestito da un giovane dinamico, pasticcione e bugiardo, combattuto tra una madre dispotica e una fidanzata moderna, capace di vendere l’ospitalità in una struttura fatiscente come il massimo del confort possibile.

Tutti sono in cerca di cambiare qualcosa delle loro vite, nessuno si adagia nella pigrizia e nel grigiore rassegnato.
“I legami che si fanno e si disfano nel film, che si formano dopo una vita intera sono al tempo stesso intensi e leggeri, tanto estemporanei da sembrare inconsapevoli, ma dotati di un’affettività travolgente e solidale, al punto da far pensare e sperare che ‘andrà tutto bene alla fine, e se non andasse bene, allora, credetemi, significa che non è ancora arrivata la fine’”. (da osteriacinematografo) Tra gli innumerevoli spunti che il film offre fa piacere soffermarsi su almeno due momenti di gentilezza: un atteggiamento che non sempre incontriamo agli sportelli degli uffici, nelle case di riposo, nei reparti di ospedale. Il primo vede Maggie Smith, l’austera ex governante, rivolgersi a una ragazza, una inserviente dell’albergo appartenente alla casta degli intoccabili, per darle un semplice consiglio. Le rivolge la parola. È cosa questa, talmente straordinaria che la ragazza la invita nella sua modesta dimora dove una folla di parenti ed amici, intoccabili al pari di lei, le tributano un inatteso calorosissimo ringraziamento. Da quel momento la vecchia, prima in odore di razzismo, non sarà più la stessa. Si prenderà cura della ragazza e addirittura metterà a disposizione le sue competenze di amministratrice per salvare l’hotel e il sogno del maldestro gestore.

Non meno toccante, anche se altrettanto improbabile, l’incontro tra due ex ragazzi che si amarono come sanno amare soltanto gli adolescenti e per 50 anni persero le tracce uno dell’altro. Inglese uno, magistrato; indiano l’altro, operaio. Tuttavia il sentimento è rimasto vivo in entrambi, il desiderio di rincontrarsi non è morto. Quando il primo bussa alla modesta casetta del secondo sarà la moglie ad aprirgli la porta. La donna lo aspettava perché il marito l’aveva messa al corrente del suo grande amore omosessuale della prima giovinezza. È lei che lo chiama, è lei che assiste serena all’incontro dei due, che si abbracciano dopo mezzo secolo di attesa.

È troppo per essere vero? Forse, tuttavia aiuta. Adagiati come siamo nella rassegnazione, che è anche un comodo alibi per non rischiare mai nulla, ci può fare solo bene vedere qualche gesto, verosimile o no, di sincero slancio, anche da vecchi.
(Sintesi redatta da: Fausto Melloni)

 


(Fonte: )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La misura dei miei giorni

La misura dei miei giorni nasce come un diario alla soglia degli ottant'anni di Florida Acott-Maxwell (1884-1979), scrittrice e psicologa analista allieva di di Carl Jung.

Le attività della Fondazione Sacra Famiglia

Presentate a Milano, presso l' Università Bocconi, le attività della Fondazione Sacra Famiglia che opera nel settore dell'assistenza: 122 anni di Storia, 23 sedi in tre Regioni, 13mila persone assistite attraverso prestazioni di qualità e percorsi di cura individuali, quasi 100 mila prestazioni erogate, 95,3 milioni di euro investiti nella missione e interamente ridistribuiti, circa 2mila collaboratori di cui l’84% a contatto con l’utente e 1.250 volontari.

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

La pellicola del 2011 diretta dal duo Nakache/Toledano ha riscosso grande successo di pubblico e critica, tanto da spingere Hollywood a realizzarne un remake (The Upside – 2017; non ancora distribuito nelle sale).

 

Regia di Nakache Olivier, Toledano Eric, Francia, 2011

Parola chiave: Caregiver, caregiving, Disabilità, handicap, Integrazione

 

Leo, Bruno e Zvi crescono in un villaggio ebraico della Polonia di inizio Novecento innamorati della stessa ragazza, la bellissima e volubile Alma, che promette a tutti e tre di sposarli, uno dopo l'altro.

 

Regia di Radu Mihaileanu, Francia, Canada, Romania, USA, 2016

 

Scopo del corto, attraverso una trama a incastro, è indurre lo spettatore a riflettere non solo sul mondo perduto del malato di Alzheimer, ma su chi di quel mondo faceva parte e si trova, quando la malattia giunge quasi al suo culmine, tagliato fuori da quell’esistenza, da quei ricordi.

 

Regia di Toscani Mario, Italia, 2015

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 311 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.