|

|

|

|

|


Regia

Le Guay Philippe

Titolo

Florida
Con: Jean Rochefort, Sandrine Kiberlain, Anamaria Marinca, Laurent Lucas, Tommy O'Brien
Francia, 2015, min.110

Florida

Le nostre recensioni

 

“Florida”, l’ultimo film di Philippe Le Guay (“Molière in bicicletta”, “Le donne del sesto piano”), mette in scena il difficile rapporto tra una figlia e un padre anziano che mostra i primi segni di demenza.

 

Claude Lherminier, ex dirigente (e proprietario) di un’azienda cartiera, ha ormai ottant’anni ed è in pensione. La gestione dell’azienda è passata alla figlia Carole, che si prende anche cura del padre. Claude vive nella sua casa di campagna assistito da una badante e, nonostante non abbia perso un briciolo della sua vitalità, comincia a mostrare evidenti segni dell’avanzare di una qualche forma di demenza senile. La vita di Claude, infatti, diventa piano piano un montaggio alternato (volendo usare una metafora cinematografica) di momenti di perfetta lucidità e di altri di totale confusione e disorientamento. La malattia rende sempre più difficile intrattenere rapporti con l’anziano che, anche quando gode dei momenti di massima lucidità, sembra aver perso quasi tutti quei filtri sociali che normalmente permettono di interagire con chi ci circonda.

 

Claude, ad esempio, ha una morbosa curiosità verso tutto ciò che concerne la sfera sessuale, e non mostra pudore nel parlarne anche in momenti inopportuni. Non solo, la caduta di tutte le maschere spesso porta Claude ad oscillare tra momenti di infantile candore e di brutale aggressività. L’ottantenne è inoltre ossessionato da un presunto incontro con la sua seconda figlia, Alice, che scopriamo tuttavia essere morta in Florida anni prima. Carole, per non ferirlo, non svela mai al padre la verità dimenticata, preferendo (suo malgrado) lasciargli pensare che la mancanza di contatti con Alice sia dovuta ad attriti tra sorelle.

 

Con l’aggravarsi della malattia, accudire il padre diventa per Carole sempre più difficile, tanto da costringerla a farlo traferire dalla casa in campagna al suo appartamento, ma anche questa nuova soluzione ha vita breve. La complicata convivenza negli angusti spazi dell’appartamento grava in particolar modo sul compagno di Carole che, in seguito ad una aggressione da parte di un Claude in stato confusionale, decide di interrompere la relazione e andarsene. A Carole, nonostante sia riluttante, non resta che scegliere l’opzione del ricovero in casa di riposo, dove il padre troverà un po’ di serenità, pur nella malattia.

 

Per questo film, il regista francese si ispira a un allestimento della pièce teatrale “Le Père” (Il Padre), di Florian Zeller. Con una storia molto simile a quella descritta da Le Guay in “Florida”, la pièce prevede l’impiego di due attrici diverse per interpretare il ruolo della figlia accudente, così da generare un effetto di forte straniamento nel pubblico che solo gradualmente capisce che ciò che è messo in scena non è altro che il punto di vista del padre malato di Alzheimer. Ricercando lo stesso effetto di disorientamento della pièce teatrale, Le Guay costruisce il film su di un montaggio che, al passo con la malattia di Claude, diventa sempre più frammentato, mescolando immaginazione, memoria e realtà. Ciò provoca fastidio nello spettatore, che fatica a tenere insieme i fili del film, come Claude quelli della vita.

 

La pellicola, pur non essendo la migliore del regista, merita sicuramente di essere vista, se non altro per i tanti spunti che offre sul tema della demenza e della cura che non si esauriscono di certo a quelli qui elencati. Una nota va fatta anche alla grande prova attoriale dei due protagonisti, capaci di proporre un dialogo fatto di sguardi e sfumature a tratti davvero toccante.

(di Carlo Piloni)


(Fonte: )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

www.cittametropolitana.mi.it

Sito della della Città metropolitana di Milano.

Inventare la vecchiaia

La cultura occidentale non ha modelli forti di invecchiamento da proporre e di conseguenza mancano anche servizi sociali con i quali migliorare la vita di chi è vecchio e non si vergona di esserlo.

Ultimi inserimenti in Audiovisivo

 

Il famoso scrittore Victor Adelman muore. Un giornalista va a trovare la vedova, Sarah Adelman. Comincia allora il racconto di una storia d'amore movimentata attraverso 45 anni di vita di coppia.

 

Regia di Bedos Nicolas, Francia, 2017

Parola chiave: Coppia

 

Attraverso un lungo piano sequenza attraversiamo le stanze di una villetta abitata da diverse persone di ogni età che interagiscono con la macchina da presa che rappresenta la soggettiva pura del personaggio principale, la cui identità non ci è nota tranne che per il nome, Peggie.

 

Regia di Capozzolo Rosario, USA, 2017

 

Siamo troppo portati, pur di non riflettere sulla verità dei fatti, a rimpiangere il mitico passato nel quale gli anziani, portatori di saggezza e di esperienza, vivevano rispettati nelle loro famiglie fino all’ultimo respiro. Lo stereotipo esige questo e noi ci adeguiamo.

 

Regia di Avati Pupi, Italia, 2010

Visualizza altri Audiovisivi In archivio sono presenti 288 Audiovisivi

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.