|

|

|

|

|


Autore

Fonte
La Repubblica
13/02/2018 p.54

Idea: spazziamo via le cellule invecchiate

Le cellule invecchiate sono incapaci si svolgere le loro funzioni per questo portano alla senescenza del corpo: un meccanismo molecolare permette di eliminarle.

L'idea è semplice: per contrastare i tanti malanni dei più vari organi, il calo di energie, i vuoti di memoria, una generale fragilità e molti altri disagi, si pensa di rallentare l'orologio dell'organismo. A questo proposito, oltre ad altre ipotesi come quella della restrizione calorica, da qualche anno se ne è aperta una nuova: spazzare via dal nostro corpo le cellule invecchiate. Queste non solo non sono più in grado di proliferare e di svolgere bene le loro funzioni ma sono anche diventate resistenti alla morte programmata (apoptosi). Inoltre recano danni all'organismo perché liberano sostanze tossiche che danneggiano le cellule sane, infiammano i tessuti e uccidono le cellule staminali compromettendone la riproduzione.

Ovvia quindi l'idea di eliminarle. Ma è possibile? Nel 2011 su Nature (una delle più importanti riviste scientifiche) è stato pubblicato uno studio secondo il quale nella Mayo Clinich di Rochester (USA) sono stati creati topi geneticamente modificati in cui le cellule senescenti potevano essere eliminate a comando. La vera svolta è avvenuta nel 2015 da una pubblicazione di Kirkland su Aging Cell, che riporta uno studio in cui, analizzando le differenze tra cellule senescenti e quelle normali, ha individuato sostanze che le prime producono per proteggersi dalla morte programmata. Kirlkand ha trovato che i così detti farmaci senolitici sono in grado di inattivare queste sostanze e ha confermato che nei topi le cellule invecchiate vengono spazzate via a beneficio dell'intero organismo.


(Fonte: La Repubblica)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Tecnico esperto nella gestione dei servizi

Il corso di formazione è rivolto a persone sia occupate che non occupate, in possesso dei seguenti requisiti:

"Caro anziano, ti telefono io". I bimbi che adottano i nonni

Il problema della solitudine è molto presente anche a Padova, dove, su 210 mila residenti, gli over 75 soli sono 5.780, di cui 3.705 coppie senza parenti e 1.054 persone assistite dai volontari dei circoli Auser. Persone autosufficienti, ma che non hanno compagnia. L’idea di far chiamare i bambini al posto dei volontari nella telefonata settimanale di compagnia è venuta alla maestra Francesca Contarello. I bambini sono stati preparati anche simulando dialoghi ed hanno costruito dei rapporti importanti per loro e per gli anziani.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uno studio svolto dall’Università del Colorado di Boulder (Usa) ha individuato nella somministrazione di un farmaco antiossidante specifico per i mitocondri, le centrali energetiche delle cellule, la possibilità di ringiovanire i vasi sanguigni di 15-20 anni nel giro di sei settimane.

 

Comerci Nadia, salute24.ilsole24ore.com, 01/08/2018

Parola chiave: Malattie cardiovascolari

 

Il 4° Congresso dell’Accademia Italiana Limpe-Dismov (Accademia per lo studio della malattia di Parkinson e dei disordini del movimento), svoltosi lo scorso maggio a Roma, ha aperto i lavori sul tema dell’importanza dei dispositivi che consentono di monitorare i malati Parkinson nella loro quotidianità.

 

Peccarisi Cesare, www.corriere.it, 20/05/2018

Parola chiave: Malattia di Parkinson, Strumenti informatici e telefonia

 

Il problema della solitudine è molto presente anche a Padova, dove, su 210 mila residenti, gli over 75 soli sono 5.780, di cui 3.705 coppie senza parenti e 1.054 persone assistite dai volontari dei circoli Auser. Persone autosufficienti, ma che non hanno compagnia. L’idea di far chiamare i bambini al posto dei volontari nella telefonata settimanale di compagnia è venuta alla maestra Francesca Contarello. I bambini sono stati preparati anche simulando dialoghi ed hanno costruito dei rapporti importanti per loro e per gli anziani.

 

Balloni Flavia, www.centrostudi.50epiu.it, 31/07/2018

Parola chiave: Rapporti intergenerazionali, Volontariato a favore di anziani

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 52 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.