|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.vita.it
15/02/2018

La retorica dei falsi invalidi? Guardate quanto ha fruttato e poi chiedete scusa

Due governi diversi hanno previsto due tornate di ispezioni straordinarie per stanare i 'falsi invalidi', dal 2009 al 2015, con 1 milione 250mila controlli.

Ci si aspettava di recuperare un miliardo di euro ma in realtà nel Fondo Non Autosufficienza per il 2017 sono arrivati solo 13,6 milioni in più. Vincenzo Falabella, presidente della FISH, Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, ha messo in luce, su Superando, il castello di bugie, di incompetenze, di strumentali affermazioni che si sono sgretolate sotto l’evidenza dei numeri e ha detto: “ora qualcuno ci chieda scusa”.

Nel 2009/2012 sono stati fatti 800.000 controlli su altrettante persone per verificare se davvero avessero i requisiti per ricevere le provvidenze economiche relative a minorazioni civili, disabilità e handicap di cui godevano. Nel 2013/2015 si sono fatte altre 150.000 nuove verifiche all'anno, in aggiuntiva all’ordinaria attività ispettiva.

La prima tornata aveva portato a un risparmio annuo di circa 150 milioni di euro derivanti dalle revoche, incluse quindi le persone che si sono viste ridurre la percentuale di invalidità ma che nessuno potrebbe definire falsi invalidi. Ma il secondo giro è andato molto peggio: 13 milioni e 600mila euro in tre anni, a fronte di 450mila controlli.

I 13,6 milioni recuperati da cittadini a cui non spettavano, sono andati a integrare il fondo di 450 milioni destinati alle non autosufficienze come previsto dal decreto di riparto per il 2017.


(Fonte: www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Innamorarsi nella terza età è possibile

Dall’Osservatorio di Reale Mutua dedicato al welfare emerge che instaurare una relazione in età avanzata migliora la vita di chi è solo, da molti punti di vista. Per il 53% degli i taliani essere in coppia è un motivo in più per mantenersi attivi e dedicarsi insieme alle passioni in comune.

www.sintef.no

SINTEF è uno dei più grandi istituti di ricerca indipendenti in Europa e ogni anno assolve diverse migliaia di incarichi, per piccoli e grandi clienti.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

L'articolo, oltre a confermare il dato sull' aumento delle prospettive di vita, analizza diverse questioni inerenti l'argomento tra cui un aspetto non sempre considerato, ovvero la nascita di una economia "silver" incentrata sui nuovi bisogni e sul crescente mercato inerente la popolazione anziana.

 

Ambrosetti Stefano, www.firstonline.info, 18/03/2018

Parola chiave: Bisogni degli anziani, Politiche riferite alla popolazione anziana

 

 

.

 

La Redazione, L'Amico del Popolo, 22/02/2018

Parola chiave: Disabilità, handicap, Strutture residenziali per anziani

 

E’ in atto un grande cambiamento negli studi dei medici di famiglia, che diventano “ad alta intensità di assistenza”, e dove sarà ora possibile anche fare piccoli accertamenti, suturare una ferita, programmare la presa in carico dei malati cronici.

 

Russo Paolo, www.centrostudi.50epiu.it, 07/03/2018

Parola chiave: Assistenza Domiciliare

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 32 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.