|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
05/03/2018

Fonte
www.healthdesk.it

Cervello giovane se non si teme di invecchiare

Uno studio, pubblicato su PlosOne e condotto su circa 5 mila persone con un’età media di 72 anni e senza segni di demenza all’inizio dell’esperienza, rileva che, chi guarda positivamente all’avanzare degli anni, riduce il rischio di demenza.

Su tutto il campione analizzato la buona reputazione della vecchiaia ha ridotto del 43 per cento il rischio di sviluppare infermità mentale nel corso dei successivi 4 anni. Anche le persone che possedevano il fattore genetico predittivo della demenza, ed erano bendisposti nei confronti del passare del tempo, guadagnavano una riduzione del 50% di probabilità di subire danni nell’attività cerebrale rispetto alle persone con le stesse caratteristiche genetiche ma un atteggiamento più pessimista.

Gran parte delle convinzioni personali sull’invecchiamento dipendono dalle idee che circolano nella società in cui si vive. Per questo, secondo Becca Levy, professoressa di salute pubblica e di psicologia della Yale School of Public Health, tutto ciò dovrebbe spingere a realizzare campagne sulla salute pubblica contro la discriminazione nei confronti degli anziani.


(Tratto dall’articolo www.healthdesk.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Mancano i medici: un allarme soprattutto per gli anziani

Presto mancheranno nel nostro sistema sanitario 70.000 medici, a causa dei vari meccanismi (naturali e artificiosi) di pensionamento. Il fatto provoca grande preoccupazione...

L'EMERGENZA DELLA RIABILITAZIONE NELL'ICTUS: DAL PDTA AL PDTR

La cura dell’ictus è stata recentemente oggetto di interesse con nuovi Percorsi Diagnostici Terapeutici e Assistenziali che hanno prodotto un notevole miglioramento delle cure e la riduzione della disabilità in moltissimi casi. In particolare la procedura di fibrinolisi si è mostrata efficace riducendo significativamente la mortalità e molti studi hanno messo in evidenza gli enormi vantaggi di un ricovero dei pazienti con ictus in specifici reparti attrezzati per la cura di questo tipo di patologia cerebrale.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Lo scorso 30 novembre, nel convegno di Confartigianato Imprese Piemonte e Anap Piemonte (Associazione nazionale anziani e pensionati), è stato trattato il tema Salute, benessere e cronicità: le nuove sfide.

 

Scritto da Lacchi Nives il 02/12/2018

Parola chiave: Assistente familiare, badante, Costi sanitari e assistenziali, Welfare

 

La scrittrice Lidia Ravera ha scelto il tema dell'anzianità non solo per alcuni suoi libri ma anche per il suo impegno lavorativo e nel sociale. A Roma ha fondato il Senior caffè.

 

Scritto da Desanti Gianni il 02/12/2018

Parola chiave: Bisogni degli anziani, Rappresentazione sociale della vecchiaia, Storie di vita

 

La ricerca Generazione 55 special, condotta da Ipsos e promossa da Amplifon, ha messo a confronto gli over 55 italiani con quelli di Australia, Francia, Germania e Stati Uniti.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 30/11/2018

Parola chiave: Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5865 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.