|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
05/04/2018

I robot e gli anziani. Alla ricerca di un ruolo

Il contributo di Marco Trabucchi

 

Oggi chiunque guardi al nostro mondo che invecchia rapidamente non può essere conservatore, non può cioè adottare le vecchie modalità di vita del singolo e delle collettività, solo con qualche piccolo aggiustamento. Sarebbe una scelta destinata al fallimento, di fronte alle velocità dei cambiamenti. E’ indifendibile un mondo che sta per finire; chi ha davvero a cuore il futuro della parte più fragile della popolazione deve abbandonare schemi tradizionali ed incamminarsi con coraggio e prudenza verso nuovi obiettivi. Con una forte base culturale ed altrettanta forza d’animo.

 

Un esempio importante per l’impegno verso l’innovazione viene dal Giappone, il paese di gran lunga più vecchio del mondo, ma anche quello con i maggiori problemi sociali ed umani indotti da questo fenomeno, che sembra inarrestabile, anche per la continua riduzione della fertilità. Si veda, ad esempio, per comprendere fino a che punto può arrivare l'umanità quando si trova davanti a tutte le strade chiuse, il terribile fenomeno del ricorso al carcere da parte di alcuni anziani giapponesi per tamponare un'insopportabile solitudine. La solitudine è “patogena” secondo molti studi e purtroppo la maggior parte dei vecchi vi soccombe. Alcuni invece provano a riscattarsi, anche se con le modalità irrituali sopradescritte. Il Giappone però ha anche un forte rispetto per gli anziani e quindi cerca mille vie per dare risposte decenti ai vecchi fragili; il paese rappresenta infatti oggi un punto di riferimento per tutti quelli che cercano di identificare modalità adeguate per continuare ad offrire agli anziani risposte ai loro bisogni, in uno scenario di riduzione dei finanziamenti e della disponibilità di operatori. A questo proposito un aspetto particolare è rappresentato dalle dinamiche dell’immigrazione, dalla quale in passato si era ipotizzato di trarre forza lavoro per i servizi, verificando poi che si trattava di ipotesi sostanzialmente irrealizzabili (fenomeno che vale per il Giappone ma anche per l’Italia).

 

In questa prospettiva si colloca il grande uso di robot nelle case di riposo, finanziato dal governo del paese, alla ricerca di modi per affrontare le drammatiche problematiche poste dagli anziani sempre più numerosi e sempre più bisognosi di supporti.  I dati di varie indagini però confermano che l'introduzione di diversi tipi di robot non ha portato ad una riduzione del lavoro fisico da parte degli operatori (come invece da molte parti si sperava, anche di fronte alla crisi di addetti che si sta verificando in Giappone), ma ha incontrato un rilevante gradimento sul piano psicologico da parte degli ospiti non autosufficienti, per piccoli supporti che i robot possono offrire (aiuto nella deambulazione, brevi conversazioni, una presenza viva nel vuoto delle giornate di ricovero). Si sta delineando un’utilità inaspettata dei robot, in attesa che diventino più esperti nei lavori delicati (come, ad esempio, lavare un anziano). Da strumenti meccanici ed elettronici per fare lavori pratici stanno diventando strumenti adatti a migliorare le relazioni e a riempire la giornata degli ospiti delle residenze per anziani. Certamente sarà necessario molto impegno nei prossimi anni perché l'intelligenza artificiale possa produrre macchine simil-umane in grado di fare tutto quello che gli umani sanno fare, cioè essere in grado allo stesso tempo di atti fisici raffinati e di relazioni significative e appaganti (anche per il robot... chissà?). Siamo ancora lontani da progetti e realizzazioni soddisfacenti; però questa è la strada, pur tra mille interrogativi. Ne elenco alcuni senza ordine: Come può comprendere il robot se il suo interlocutore è affetto da demenza? Probabilmente in fase avanzata ciò è possibile, ma nelle prime fasi della malattia? Cosa significa per un robot essere tollerante, ad esempio di fronte a richieste rigide o aggressive da parte dell’anziano ammalato? Oggi si discute molto di medicina narrativa: come potrà il robot ricevere messaggi su questa tematica ed incorporarli in una medicina tecnologica?

 

I problemi sono moltissimi, ma, lo ripeto, il futuro non concede spazio ai conservatori! Si devono mettere in atto molti diversi approcci, in modo elastico, sperando di identificare quello che meglio si adatta al bisogno. Ma, d’altra parte, la capacità di affrontare problematiche complesse, è una delle caratteristiche dell’intelligenza artificiale.


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Operatore Socio Sanitario (OSS)

IN-FORMA E-learning School srl presenta su Emagister.it il Corso per Operatore Socio-Sanitario (OSS), rivolto a tutti coloro che intendono trasformare la propria vocazione per il sociale in una concreta opportunità lavorativa.

Correlazione tra ormoni e religiosità

Un nuovo studio, condotto da Aniruddha Das della McGill University in Canada, ha scoperto che il livello di religiosità degli uomini di terza età potrebbe dipendere non solo dalla psicologia e dall’educazione ricevuta, ma  anche dal livello di certi ormoni sessuali, quali il testosterone.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Uno studio guidato da un team del Frederiksberg Hospital di Copenaghen, pubblicato su Mayo Clinic Proceedings, rileva che il tennis è la disciplina sportiva che aiuta a vivere più a lungo.

 

Scritto da Lacchi Nives il 14/09/2018

Parola chiave: Attività fisica, Stili di vita

 

Una ricerca effettuata da IPSOS conferma che oltre il 40% degli anziani aiuta economicamente figli e nipoti, molto più della media europea che si attesta al 24%.

 

Scritto da Desanti Gianni il 12/09/2018

Parola chiave: Sostegno economico a figli e nipoti

 

Dall’indagine Ipsos dal titolo 'I Senior di oggi in Europa. Sentirsi utili per invecchiare bene’, emerge  che un anziano su quattro sogna di innamorarsi e rifarsi una vita.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 11/09/2018

Parola chiave: Analisi comparative, Aspetti psicologici dell'invecchiamento

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5796 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.