|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
09/04/2018

Ospedali del futuro

Come saranno stutturati e organizzati gli ospedali nel prossimo futuro?

Gli esperti concordano che saremo curati in strutture dove verrà praticata la medicina digitale, dove i tempi di attesa saranno ridotti e i medici e operatori comunicheranno con device collegati tra di loro. Dalle cartelle cliniche alle barelle, ogni dispositivo sarà controllato e monitorato, come il modello Amazon.

Gli ambienti saranno a misura d'uomo perché l'ospedale del futuro deve essere "leggibile dai pazienti, dai familiari in visita, dai medici e dagli operatori che ci lavorano". Un luogo dove sia facile e rapido orientarsi, dove i percorsi per la logistica sono separati da quelli per il pubblico e sono gestiti da robot, dove le aree di degenza sono assolutamente separate dalle quelle di alta intensità per il paziente. Ambienti accoglienti, colorati e confortevoli.

Fantascienza? "Come italiani siamo tra i più bravi nel progettare questo tipo di edifici e nel lavorare anche sulle ristrutturazioni, che sono molte di più delle nuove edificazioni" afferma Cesare Trinchero, fondatore della Studio Archè, alle spalle una carriera ultra trentennale e uno dei più prolifici architetti ospedalieri italiani, con oltre 50 strutture realizzate e centinaia di progetti in Italia ed in UE. Nuovi o rimessi a nuovo, gli ospedali pubblici, e i pazienti, aspettano delle risposte.


(Tratto dall’articolo )

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Raccolta fondi per chi offre sanità ai poveri

L’Afmal – Associazione con i Fatebenefratelli per i Malati lontani lancia una campagna di raccolta fondi attraverso il numero solidale 45590.

Holter del respiro: un nuovo strumento che traccia l'andamento dell'ossigenazione

Un team di pneumologi italiani composto da Fernando De Benedetto, direttore scientifico della Fondazione Italiana Salute Ambiente e Respiro (Fisar), Claudio Maria Sanguinetti, presidente Fisar, Stefano Nardini, presidente Sip e Paolo Palange, direttore della Pneumologia dell'Università Sapienza di Roma, ha ideato l’holter del respiro, uno strumento in grado di tracciare con precisione l’andamento dell’ossigenazione nell’arco delle 24 ore.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

La scrittrice Lidia Ravera ha scelto il tema dell'anzianità non solo per alcuni suoi libri ma anche per il suo impegno lavorativo e nel sociale. A Roma ha fondato il Senior caffè.

 

Scritto da Desanti Gianni il 02/12/2018

Parola chiave: Bisogni degli anziani, Rappresentazione sociale della vecchiaia, Storie di vita

 

La ricerca Generazione 55 special, condotta da Ipsos e promossa da Amplifon, ha messo a confronto gli over 55 italiani con quelli di Australia, Francia, Germania e Stati Uniti.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 30/11/2018

Parola chiave: Ricerca

 

Quasi la metà degli anziani non si può permettere di accendere i termosifoni in casa o rischia di non poterlo fare più nel prossimo futuro.

 

Scritto da Dario Luciana il 03/12/2018

Parola chiave: Povertà, Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5864 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.