|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.insalutenews.it
12/05/2018

Presa in carico del paziente: dal territorio agli ospedali, l'innovazione del modello lombardo 4.0

L’età media avanza e, grazie all’innovazione tecnologica, le malattie si cronicizzano; i bisogni dei pazienti potrebbero essere affrontati e gestiti in maniera diversa, tra l'altro con costi notevolmente inferiori, coinvolgendo maggiormente medici di base e farmacie. La Regione Lombardia sta introducendo un nuovo sistema di cura per i malati cronici che ha, come obiettivo, quello di ridurre l'ospedalizzazione e utilizzare al meglio le sempre più scarse risorse disponibili, limitando così i danni dovuti al taglio dei fondi.

L'assessore regionale alla sanità ci tiene a segnalare che il progetto vuole anche valorizzare la figura del medico di medicina generale, considerata fondamentale per la presa in carico del paziente cronico e si augura che un numero sempre maggiore di medici aderiscano alla proposta elaborata.

Il medico di famiglia è colui che stila il Pai (Piano assistenziale individuale) ed è il responsabile clinico. Il piano di cura del paziente, che contiene prestazioni di tipo specialistico e/o diagnostico nonché la terapia e la pianificazione delle vaccinazioni consigliate, viene costruito sui bisogni del paziente e deve essere disponibile sul fascicolo sanitario elettronico attraverso il sistema informatico.


(Fonte: www.insalutenews.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Marche: fanalino di coda nella spesa sociale per gli anziani

Secondo le elaborazioni dell’Ufficio Studi Confartigianato Marche sui recentissimi dati Istat, nel 2016 la spesa dei Comuni marchigiani per i servizi sociali ammonta a 98 euro per residente, livello pro capite inferiore alla media nazionale (116 euro a persona).

Dove andrete in pensione? In Paraguay!

Sempre più pensionati over 60, stanchi di non poter più arrivare a fine mese e sotto pressione fiscale, decidono di fare le valigie per trasferirsi in un paese straniero con un costo della vita più basso, in via di sviluppo, con una burocrazia più scorrevole e una fiscalità più vantaggiosa. Tra le mete più interessanti vi è il Paraguay.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Nell’era digitale in cui i giovani sembrano i detentori del sapere, la Modern Elder Academy (MEA) si propone come il luogo in cui i senior possono valorizzare le proprie capacità.

 

Russo Linda, www.centrostudi.50epiu.it, 26/03/2019

Parola chiave: Educazione permanente, Lavoro nella terza età

 

L'Italia prova ad attrarre i pensionati residenti all’estero (anche nostri connazionali) che decidono di trasferirsi nella Penisola. Con la legge di Bilancio 2019, infatti, è stata introdotta una tassazione ridotta sui redditi per le persone che trasferiscono la loro residenza nelle regioni del Mezzogiorno.

 

Croce Marco, Vallefuoco Valerio, www.ilsole24ore.com, 04/03/2019

Parola chiave: Legislazione nazionale, Politiche riferite alla popolazione anziana

 

All’ultimo congresso annuale dei geriatri italiani (SIGG) è stato proposto di alzare la tradizionale soglia dell’anzianità da 65 a 75 anni. Questa nuova definizione dell’età anziana non è una sorta di maquillage giovanilistico ma trova essenzialmente le sue giustificazioni in almeno due ordini di motivi.

 

Filippi Vittorio, www.neodemos.info, 21/02/2019

Parola chiave: Longevità, Qualità della vita

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 74 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.