|

|

|

|

|


Autore

Fonte
Corriere della Sera
20/06/2018 p.15

Google scoprirà quando moriremo?

La lettura dei cosiddetti big data potrà forse consentire di stabilire con una certa attendibilità la data della morte di una persona; una equipe di Google sta lavorando a questa ipotesi, perfezionando un algoritmo.

Si tratterebbe di elaborare milioni di dati e trarre da essi le indicazioni del caso; sorge naturalmente la problematica della anonimità dei dati personali da raccogliere che sono tutti definibili come "sensibili" e che meritano dunque un grande livello di conservazione della privacy.

Un'eventuale previsione non avrebbe una particolare valenza scientifica, ma potrebbe essere importante soprattutto dal punto di vista economico per stabilire e studiare altri aspetti, come, ad esempio, la durata e i costi di un ricovero ospedaliero di una persona malata prima del suo decesso.


(Sintesi redatta da: Gianni Desanti)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

I vecchi e il terremoto, due anni dopo

Per onorare un vecchio impegno con la Società Italiana di Gerontologia e Geriatria e con Alzheimer Uniti Italia, una benemerita associazione di familiari, ho accettato di partecipare ad un convegno a Visso, in provincia di Macerata, dal titolo: Le persone fragili e il sisma.

L’Approccio capacitante nella cura degli anziani fragili, in particolare quelli con demenza. 23-24 novembre 2018, a Milano

Corso di formazione di 2° livello nella cura degli anziani fragili, in particolare quelli con demenza.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

La lettura dei cosiddetti big data potrà forse consentire di stabilire con una certa attendibilità la data della morte di una persona; una equipe di Google sta lavorando a questa ipotesi, perfezionando un algoritmo.

 

Sideri Massimo, Corriere della Sera, 20/06/2018

Parola chiave: Dati statistici, Fine vita

 

EPALE (Piattaforma elettronica per l'apprendimento degli adulti in Europa) pubblica un documento sulle case intergenerazionali che si stanno sviluppando in Austria ma che già dal 2006 sono presenti in Germania.

 

Brnthaler Christine, ec.europa.eu, n.,

Parola chiave: Abitazione, Rapporti intergenerazionali

 

In Rete, in questi giorni, hanno suscitato commozione e tenerezza le immagini di anziani soli ripresi nelle più diverse situazioni.

 

Fasano Giusi, , 13/07/2018

Parola chiave: Rete informatica, Social Network

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 49 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.