|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
11/07/2018

Fonte
www.ansa.it

Sentirsi giovani rallenta l'invecchiamento del cervello

Uno studio condotto dalla Seoul National University ha evidenziato che sentirsi più giovane della propria età fa invecchiare più lentamente il cervello.

Gli studiosi hanno monitorato 68 persone, tra i 59 e gli 84 anni, effettuando delle scansioni cerebrali ed esaminando i volumi di materia grigia in varie parti del cervello. Ai partecipanti al test è stato anche chiesto di sottoscrivere un questionario che includeva domande relative al fatto di sentirsi più anziani o più giovani della loro età e altre sulla valutazione delle loro capacità cognitive e la percezione del loro stato di salute.

Dall'analisi dei dati è emerso che le persone che si sentivano più giovani hanno ottenuto un punteggio più elevato e, dai risultati della risonanza magnetica, un aumento della materia grigia in alcune regioni chiave del cervello.


(Tratto dall’articolo www.ansa.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Aler: da gennaio per gli anziani affitto azzerato

In Lombardia, a partire da gennaio 2019, i caseggiati Aler azzererano il canone d'affitto per gli inquilini anziani. 

Ultimi inserimenti in Notizia

 

In Italia, secondo i dati ufficiali, solo la metà delle persone a rischio, a partire dagli anziani, si è sottoposta alla profilassi antinfluenzale.

 

Scritto da Dario Luciana il 16/01/2019

Parola chiave: Prevenzione, Vaccinazioni

 

Gli studenti degli Istituti superiori Natta e Caniana di Bergamo si faranno insegnanti e terranno, tra gennaio e febbraio, 4 corsi gratuiti di primo e secondo livello rivolti agli over 60, per imparare a utilizzare il computer e lo smartphone.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 15/01/2019

Parola chiave: Digital divide, Rapporti intergenerazionali

 

Uno studio condotto dalla Washington University di St. Louis e diffuso dall'Agenzia Reuters Health, ha rivelato che bere fino a sette drink a settimana (equivalente a a 0,35 litri di birra, un bicchiere di vino da 175 ml o uno shot di superalcolici da 45 ml) potrebbe proteggere dall'insufficienza cardiaca e aiutare a vivere più a lungo.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 15/01/2019

Parola chiave: Malattie cardiovascolari, Prevenzione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5897 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.