|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
17/07/2018

Fonte
www.quotidianosanita.it

Screening mammografico

Secondo la proposta di un articolo pubblicato su JAMA Oncology a firma di Nora Pashayan, lo screening mammografico andrebbe offerto non a tutte le donne indistintamente, ma solo a quelle a più alto rischio.

In base a studi uno screening mammografico mirato alle pazienti a più elevato rischio di cancro della mammella avrebbe dei benefici significativi in termini di riduzione di costi e nell’evitare un eccesso di diagnosi con conseguenti inutili cure.

Nel condurre lo studio su costo-efficacia, gli autori hanno utilizzato un modello di tabella di vita di una ipotetica coorte inglese di 364.500 donne cinquantenni, seguite fino agli 85 anni.

Rispetto allo screening basato sull’età, quello basato sulla stratificazione del rischio eviterebbe il 9,6% di morti per cancro della mammella in meno.

La soglia di rischio a partire dalla quale proporre lo screening andrebbe attentamente ponderata per trovare il giusto compromesso tra ridurre i costi, massimizzare i benefici e ridurne al minimo i danni.


(Tratto dall’articolo www.quotidianosanita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Raccolta fondi per chi offre sanità ai poveri

L’Afmal – Associazione con i Fatebenefratelli per i Malati lontani lancia una campagna di raccolta fondi attraverso il numero solidale 45590.

Depressione: ne soffre il 7% degli europei. In Italia colpisce il 5,5% della popolazione

Per la Giornata mondiale della salute mentale, Eurostat evidenzia le statistiche che indicano che nel 2014 il 7% della popolazione dell'Unione europea (UE) ha riferito di avere una depressione cronica.  Per gli anziani over 75, la depressione ha un peso ancora maggiore: ne soffre un europeo su dieci. Per quanto riguarda l'Italia, i dati sono inferiori alla media europea di circa 1,5 punti.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

L'indagine di Acri-Ipsos ha reso noto i risultati sul tema "L'etica del risparmio e lo sviluppo".

 

Scritto da Dario Luciana il 12/11/2018

Parola chiave: Crisi economica, Ricerca

 

Spesso si tende a pensare che la popolazione anziana debba ridurre al minimo il consumo di proteine a causa dell’età. Invece, un recente studio, pubblicato sul Journal of American Geriatric Society, sembra affermare esattamente l’opposto.

 

Scritto da Dario Luciana il 12/11/2018

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Ricerca

 

Secondo un sondaggio realizzato da Ipsos per Fondazione Korian, il 49% dei nonni italiani aiuta economicamente figli e nipoti, contro il 24% della media europea. Lo stesso sondaggio ci dice che il 61% degli over 65 italiani danno costantemente consigli a figli e nipoti, su argomenti disparati, dalla scuola, al lavoro, alle relazioni.

 

Scritto da Cppi Mariarosa il 09/11/2018

Parola chiave: Analisi comparative, Rapporti intergenerazionali

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5842 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.