|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.centrostudi.50epiu.it
31/07/2018

"Caro anziano, ti telefono io". I bimbi che adottano i nonni

A Padova i bambini telefonano una volta a settimana agli anziani soli, per unire universi oggi sconosciuti ed estranei. Era nata come iniziativa in una scuola elementare, ma il grande successo porterà alla riapertura del filo diretto a settembre, estendendo il progetto a tutti i quartieri.
L’idea ha vinto il primo premio del concorso Cittadino globale del Comune e con quei trecento euro gli alunni della terza elementare dell’Istituto Arcobaleno di Brusegana hanno deciso di fare una festa assieme ai “loro" vecchi, con cui sono diventati amici.

Ci sono inoltre famiglie volontarie, che, grazie ai fondi stanziati dalla giunta, adottano anziani soli per un giorno, un fine settimana, anche per tutta l’estate. Ai "nonni in affido" vengono controllate le medicine, preparati i pasti, fatta la spesa e il bucato, smaltiti i rifiuti, saldate le bollette, letti libri e giornali.
Infine una trentina di anziani ha accettato la "convivenza temporanea", e sono ospitati in case con bambini, per ricostruire le relazioni perdute tra generazioni.

Il problema della solitudine è molto presente anche a Padova, dove, su 210 mila residenti, gli over 75 soli sono 5.780, di cui 3.705 coppie senza parenti e 1.054 persone assistite dai volontari dei circoli Auser. Persone autosufficienti, ma che non hanno compagnia. L’idea di far chiamare i bambini al posto dei volontari nella telefonata settimanale di compagnia è venuta alla maestra Francesca Contarello. I bambini sono stati preparati anche simulando dialoghi ed hanno costruito dei rapporti importanti per loro e per gli anziani.


(Fonte: www.centrostudi.50epiu.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Si trasferiscono all'estero non solo i giovani ma anche gli anziani

È boom di over 50 che dall’Italia partono per trasferirsi all’estero. Questo uno dei dati principali che emergono dal XIII Rapporto Italiani nel mondo curato dalla Fondazione Migrantes, presentato il 24 ottobre scorso all’Auditorium Bachelet di Roma.

Heartline - HSM Genoa Cardiology Meeting

La Cardiologia del Policlinico San Martino invita all'ottava edizione di Heartline, consolidata occasione di incontro, aggiornamento e discussione sulle tematiche di attualità della Cardiologia, con lo scopo di fare il punto sulle innovazioni diagnostiche, terapeutiche ed organizzative delle malattie cardiovascolari e di contribuire alla formazione di tutti i partecipanti. Nelle diverse sessioni saranno a tema la Cardiopatia ischemica, le aritmie, l'embolia polmonare,  le esperienze e le innovazioni riguardanti l’impianto valvolare aortico transcatetere (TAVI). 

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Physiology da ricercatori della Ball State University di Muncie (Usa) giunge alle seguente conclusione: allenarsi regolarmente potrebbe aiutare a restare giovani; i settantenni che hanno sempre praticato un’attività fisica avrebbero una salute cardiovascolare simile a quella di chi ha 30 anni di meno.

 

Comerci Nadia, salute24.ilsole24ore.com, 27/11/2018

Parola chiave: Attività fisica, Invecchiamento attivo

 

Rovistare per ore nelle tasche o in borsa alla ricerca degli occhiali, non ricordare di aver chiuso la macchina o dove è parcheggiata, mettere a soqquadro la casa per trovare il telefono. Molti “smemorati” temono che ci sia una correlazione tra dimenticare da giovani e sviluppare patologie come demenza o decadimento cognitivo nella terza età. È una preoccupazione fondata?

 

Turin Silvia, www.corriere.it, 02/12/2018

Parola chiave: Disturbi della memoria, Prevenzione, Stili di vita

 

Un disegno di legge approvato l’8 novembre scorso dal Parlamento tedesco contiene le linee guida per un progetto di riforma delle pensioni con costi stimati, da oggi al 2025, di 31 miliardi di euro.

 

Carrino Antonella, www.centrostudi.50epiu.it, 22/11/2018

Parola chiave: Europa, Pensionamento, problemi del, Povertà, Sistema pensionistico

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 67 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.