|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.corriere.it
20/05/2018

Il Parkinson entra nell'era digitale

Il 4° Congresso dell’Accademia Italiana Limpe-Dismov (Accademia per lo studio della malattia di Parkinson e dei disordini del movimento), svoltosi lo scorso maggio a Roma, ha aperto i lavori sul tema dell’importanza dei dispositivi che consentono di monitorare i malati Parkinson nella loro quotidianità.

Anche se l’esperienza dei medici rimane il cardine per la diagnosi, la cura e la gestione di questa patologia, è vero che oggi la tecnologia permette di seguire sempre meglio i pazienti grazie a sensori indossabili e di conseguenza regolarne le cure.  

In due Università americane (Johns Hopkins e Rochester) e in una inglese (Aston) usando 6148 smartphone è stato possibile valutare in remoto la variabilità che la malattia classicamente presenta nell’arco della giornata.

L’orologio da Parkinson (il PD-Watch, acronimo di Parkinson’s disease-watch) permette di distinguere i disturbi del movimento da quelli normali. L’accelerometro da polso raccoglie dati da cui un sistema di motion capture, ricava un monitoraggio dei parametri spazio-temporali della marcia.

Attraverso lo stabilografo toracico digitale si ottengono rilevazioni corrette sull’instabilità posturale. Il modesto costo dello strumento ha indotto gli autori a proporlo come dispositivo indossabile per il controllo dei problemi di equilibrio, non solo nei parkinsoniani ma anche in tutti gli anziani fragili.


(Fonte: www.corriere.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Diritto di visita ai nipoti

Qual è il diritto dei nonni a fare visita ai nipoti quando i loro genitori sono divorziati?

Correlazione tra stato mentale e rischio di morte dopo infarto

Nei pazienti anziani, dopo un attacco cardiaco, il rischio di morte è più alto se è presente uno stato mentale alterato o compromesso.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Per la Giornata mondiale della salute mentale, Eurostat evidenzia le statistiche che indicano che nel 2014 il 7% della popolazione dell'Unione europea (UE) ha riferito di avere una depressione cronica.  Per gli anziani over 75, la depressione ha un peso ancora maggiore: ne soffre un europeo su dieci. Per quanto riguarda l'Italia, i dati sono inferiori alla media europea di circa 1,5 punti.

 

Redazione, www.quotidianosanita.it, 10/10/2018

Parola chiave: Dati statistici, Depressione

 

Una "memoria" di riserva a portata di smartphone che, all'occorrenza, aiuta a ricordare i nomi, volti, scadenze. 

 

D'Amuri Vincenzo, www.centrostudi.50epiu.it, 26/09/2018

Parola chiave: Malattia di Alzheimer, Strumenti informatici e telefonia

 

Le modifiche apportate in legge di bilancio alla proposta di legge Iori hanno creato la paradossale situazione per cui qualche migliaio di educatori oggi è fuorilegge nei servizi socio-sanitari in cui da anni lavora.

 

Bollani Marco, www.vita.it, 13/09/2018

Parola chiave: Legislazione nazionale, Operatore socio-assistenziale e sanitario

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 59 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.