|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.corriere.it
20/05/2018

Il Parkinson entra nell'era digitale

Il 4° Congresso dell’Accademia Italiana Limpe-Dismov (Accademia per lo studio della malattia di Parkinson e dei disordini del movimento), svoltosi lo scorso maggio a Roma, ha aperto i lavori sul tema dell’importanza dei dispositivi che consentono di monitorare i malati Parkinson nella loro quotidianità.

Anche se l’esperienza dei medici rimane il cardine per la diagnosi, la cura e la gestione di questa patologia, è vero che oggi la tecnologia permette di seguire sempre meglio i pazienti grazie a sensori indossabili e di conseguenza regolarne le cure.  

In due Università americane (Johns Hopkins e Rochester) e in una inglese (Aston) usando 6148 smartphone è stato possibile valutare in remoto la variabilità che la malattia classicamente presenta nell’arco della giornata.

L’orologio da Parkinson (il PD-Watch, acronimo di Parkinson’s disease-watch) permette di distinguere i disturbi del movimento da quelli normali. L’accelerometro da polso raccoglie dati da cui un sistema di motion capture, ricava un monitoraggio dei parametri spazio-temporali della marcia.

Attraverso lo stabilografo toracico digitale si ottengono rilevazioni corrette sull’instabilità posturale. Il modesto costo dello strumento ha indotto gli autori a proporlo come dispositivo indossabile per il controllo dei problemi di equilibrio, non solo nei parkinsoniani ma anche in tutti gli anziani fragili.


(Fonte: www.corriere.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Aler: da gennaio per gli anziani affitto azzerato

In Lombardia, a partire da gennaio 2019, i caseggiati Aler azzererano il canone d'affitto per gli inquilini anziani. 

Pensionamento: tristezza o felicità

La pensione: questo momento per molti rappresenta un'opportunità per altri una sventura.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Applied Physiology da ricercatori della Ball State University di Muncie (Usa) giunge alle seguente conclusione: allenarsi regolarmente potrebbe aiutare a restare giovani; i settantenni che hanno sempre praticato un’attività fisica avrebbero una salute cardiovascolare simile a quella di chi ha 30 anni di meno.

 

Comerci Nadia, salute24.ilsole24ore.com, 27/11/2018

Parola chiave: Attività fisica, Invecchiamento attivo

 

Rovistare per ore nelle tasche o in borsa alla ricerca degli occhiali, non ricordare di aver chiuso la macchina o dove è parcheggiata, mettere a soqquadro la casa per trovare il telefono. Molti “smemorati” temono che ci sia una correlazione tra dimenticare da giovani e sviluppare patologie come demenza o decadimento cognitivo nella terza età. È una preoccupazione fondata?

 

Turin Silvia, www.corriere.it, 02/12/2018

Parola chiave: Disturbi della memoria, Prevenzione, Stili di vita

 

Un disegno di legge approvato l’8 novembre scorso dal Parlamento tedesco contiene le linee guida per un progetto di riforma delle pensioni con costi stimati, da oggi al 2025, di 31 miliardi di euro.

 

Carrino Antonella, www.centrostudi.50epiu.it, 22/11/2018

Parola chiave: Europa, Pensionamento, problemi del, Povertà, Sistema pensionistico

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 67 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.