|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
08/08/2018

Fonte
www.stateofmind.it

Correlazione tra ormoni e religiosità

Un nuovo studio, condotto da Aniruddha Das della McGill University in Canada, ha scoperto che il livello di religiosità degli uomini di terza età potrebbe dipendere non solo dalla psicologia e dall’educazione ricevuta, ma anche dalla quantità di certi tipi di ormoni sessuali, come ad esempio il testosterone.

 

L’indagine ha coinvolto circa 1000 adulti di età compresa tra i 57 e gli 85 anni, ai quali, tra le varie domande, veniva richiesta la loro partecipazione ai servizi religiosi, se un membro del clero faceva parte della loro rete sociale primaria, il loro stato di salute, il proprio peso. Venivano inoltre raccolti campioni di saliva e sangue, esaminati in un secondo momento.

Dall’analisi dei dati, il ricercatore ha notato come gli uomini con livelli più elevati di ormoni sessuali nel corpo avevano una più debole partecipazione religiosa.

 

“Senza l’esplorazione sistematica di questi collegamenti, la teoria del corso di vita rimane incompleta e potenzialmente inaccurata – afferma Das – Sono quindi necessarie ulteriori ricerche sulle ragioni per cui i livelli di androgeni influenzano le connessioni religiose di una persona e sul ruolo che gli ormoni svolgono nella strutturazione delle traiettorie di vita delle persone anziane.”


(Tratto dall’articolo www.stateofmind.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

L'alcol protegge contro l'insufficienza cardiaca

Uno studio condotto dalla Washington University di St. Louis e diffuso dall'Agenzia Reuters Health, ha rivelato che bere fino a sette drink a settimana (equivalente a a 0,35 litri di birra, un bicchiere di vino da 175 ml o uno shot di superalcolici da 45 ml) potrebbe proteggere dall'insufficienza cardiaca e aiutare a vivere più a lungo.

Una alimentazione ricca di carboidrati potrebbe allungare la vita?

Tra gli abitanti delle isole di Okinawa (Giappone), ogni 100mila abitanti, si contano ben 68 centenari (più di tre volte il numero riscontrato in altre popolazioni a livello mondiale).

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Un gruppo di scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis, negli USA, ha dimostrato che, anche quando l'età anagrafica è la stessa, il cervello delle donne è di circa tre anni più giovane rispetto a quello degli uomini.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Ricerca

 

Secondo alcuni dei dati dell’Ars Toscana sono sempre di più gli anziani malati (malattie croniche o tumori) che muoiono in ospedale. E sempre meno anziani usufruiscono dell’assistenza domiciliare nell’ultimo mese di vita.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 19/02/2019

Parola chiave: Analisi comparative

 

Da una ricerca dello "Studio di Giaccardi & Associati" è emerso che il così detto "turismo d'argento" è sempre in continuo aumento.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5935 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.