|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
11/08/2018

Fonte
www.fondazioneveronesi.it

Attenzione alle apnee notturne

Le apnee notturne causano uno scarso apporto di ossigeno al cervello creando una riduzione del volume dei lobi temporali del cervello.

Chi russa tanto smette di respirare per pochi secondi per novanta volte all’ora e nel corso della giornata avverte stanchezza e sonnolenza.

La sindrome delle apnee ostruttive interessa, secondo una recente indagine, oltre12 milioni di persone tra i 40 e gli 85 anni, più uomini che donne.

Le conseguenze sono notevoli e vanno dal rischio di addormentarsi alla guida, al danno cardio e cerebro vascolare nonché alla premessa di sviluppo di una forma di demenza senile.


(Tratto dall’articolo www.fondazioneveronesi.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Boom di spesa per le badanti

Secondo la rilevazione dell’Eurispes, a gennaio 2019 i consumi delle famiglie risultano stabili rispetto all’anno passato.

Le statine riducono il rischio di malattie cardiovascolari

Una ricerca condotta dall'Università di Sidney ha evidenziato che le statine, cioè i farmaci utilizzati per ridurre il livello di colesterolo, possono diminuire il rischio di malattie cardiovascolari, anche nelle persone con età superiore ai 75 anni.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Un gruppo di scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis, negli USA, ha dimostrato che, anche quando l'età anagrafica è la stessa, il cervello delle donne è di circa tre anni più giovane rispetto a quello degli uomini.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Ricerca

 

Secondo alcuni dei dati dell’Ars Toscana sono sempre di più gli anziani malati (malattie croniche o tumori) che muoiono in ospedale. E sempre meno anziani usufruiscono dell’assistenza domiciliare nell’ultimo mese di vita.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 19/02/2019

Parola chiave: Analisi comparative

 

Da una ricerca dello "Studio di Giaccardi & Associati" è emerso che il così detto "turismo d'argento" è sempre in continuo aumento.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5935 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.