|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
14/08/2018

Fonte
www.laleggepertutti.it

Diritto di visita ai nipoti

Qual è il diritto dei nonni a fare visita ai nipoti quando i loro genitori sono divorziati?

La Corte di Giustizia europea ha allargato il concetto di “diritto di visita” riconosciuto da un regolamento Ue chiedendo che venga interpretato, in caso di separazione o divorzio, anche a favore dei nonni verso i nipoti. I giudici di Lussemburgo, dopo un’interpellanza, hanno dato conferma sul diritto di visita dei nonni in quanto persone capaci di garantire una relazione che può essere positiva per i minori.

Anche il Codice civile italiano dal 2014 prevede il diritto di visita dei nonni in caso di separazione o divorzio e se tale diritto viene negato si può ricorrere al tribunale dei minorenni del luogo in cui risiede il minore.

Il nonno o la nonna non hanno tuttavia automaticamente diritto di visita in qualsiasi caso, perché può succedere che il nipote non li voglia incontrare o che il suo rapporto con loro possa essere per lui poco raccomandabile. Sarà il tribunale a decidere in merito dopo aver sentito il pubblico ministero, il minore stesso e il genitore richiedente il diritto di visita dei nonni.

La Corte d’Appello di Salerno con una sentenza con cui ha rigettato il ricorso di un nonno che reclamava il diritto di visita a una nipote sottolinea che, se un minore è sereno nell’ambiente in cui vive e l’improvviso arrivo di una persona che, per quanto sia il nonno, rompe i suoi equilibri, meglio è evitare contatti forzati.


(Tratto dall’articolo www.laleggepertutti.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

I funghi riducono il rischio di perdita di memoria

Secondo una ricerca della Facoltà di Medicina di Singapore, mangiare almeno due porzioni di funghi a settimana (almeno 300 grammi) , potrebbe ridurre in età avanzata il rischio di declino cerebrale.

La solitudine accomuna anziani e caregiver

Il prof. Marco Trabucchi, psicogeriatra, in un articolo su Avvenire del 15 marzo 2019 evidenzia una situazione ormai diffusa non solo in Italia: crescono gli anziani, molti dei quali colpiti dal dramma della solitudine, condizione che li accomuna spesso anche ai loro caregiver.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

La Regione Veneto, prima in Italia, ha reso disponibile un sito dedicato alle demenze che mette in contatto, raccorda e condivide informazioni utili, sia per il cittadino che per i sanitari e i professionisti del sociale. I diversi protagonisti del settore possono così essere guidati verso il miglior percorso di cura per la patologia della demenza che affligge moltissimi anziani. 

 

Scritto da Desanti Gianni il 05/06/2019

Parola chiave: Demenza senile

 

Il Financial Times li definisce giovani-vecchi: sono i sessantenni di oggi.

 

Scritto da Dario Luciana il 04/06/2019

Parola chiave: Lavoro nella terza età, Senior marketing

 

Da uno studio sulle motivazioni che determinano gli atteggiamenti della popolazione verso il monitoraggio della pressione arteriosa, è emerso che in Europa e USA quasi i tre quarti degli adulti affetti da ipertensione arteriosa scelgono di tenere un comportamento attivo, contro i due terzi del Giappone.

 

Scritto da Dario Luciana il 04/06/2019

Parola chiave: Analisi comparative, Prevenzione, Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5970 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.