|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
14/08/2018

Fonte
www.wired.it

Un farmaco potrebbe prevenire l'Alzheimer?

I ricercatori dell’università della Virginia hanno scoperto che la memantina, un farmaco per trattare i sintomi della malattia, potrebbe essere usato anche per prevenire o rallentare la progressione dell’Alzheimer se somministrato ai pazienti prima che compaiano i sintomi.

I sintomi caratteristici  del morbo sono principalmente una grave perdita di memoria e un declino della funzione cognitiva. Ma i processi molecolari che li causano solitamente cominciano anni prima, ovvero molto prima che si verifichi un danno neuronale esteso.

In questo periodo i neuroni del cervello tentano di dividersi, probabilmente per compensare la morte di altri neuroni, colpiti dalla malattia.

Il ricercatore Erin Kodis ha ipotizzato che ciò che spingerebbe questi neuroni indietro nel ciclo cellulare sarebbe un eccesso di calcio che penetra all’interno. E ciò si verificherebbe prima della comparsa delle placche amiloidi che interferiscono sulla funzione delle sinapsi neuronali dei malati di Alzheimer.

Kodis attraverso vari esperimenti di laboratorio ha evidenziato come la memantina possa essere efficace nel bloccare il rientro del ciclo cellulare, chiudendo il recettore Nmda.

I potenziali pazienti dovrebbero essere sottoposti a screening per i biomarcatori del morbo di Alzheimer anni prima che compaiano i sintomi, affinché la memantina possa risultare efficace.


(Tratto dall’articolo www.wired.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Alcol e psicofarmaci: un mix percoloso

Alcol e psicofarmaci sono un mix pericoloso che vede a rischio soprattutto gli anziani.

Anziani dopo i 75 anni

Il congresso nazionale della Società italiana di gerontologia e geriatria che si è tenuto a Roma ha ufficializzato l’età in cui si diventa anziani: 75 anni.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Un gruppo di scienziati della Washington University School of Medicine di St. Louis, negli USA, ha dimostrato che, anche quando l'età anagrafica è la stessa, il cervello delle donne è di circa tre anni più giovane rispetto a quello degli uomini.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Ricerca

 

Secondo alcuni dei dati dell’Ars Toscana sono sempre di più gli anziani malati (malattie croniche o tumori) che muoiono in ospedale. E sempre meno anziani usufruiscono dell’assistenza domiciliare nell’ultimo mese di vita.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 19/02/2019

Parola chiave: Analisi comparative

 

Da una ricerca dello "Studio di Giaccardi & Associati" è emerso che il così detto "turismo d'argento" è sempre in continuo aumento.

 

Scritto da Dario Luciana il 18/02/2019

Parola chiave: Invecchiamento attivo, Ricerca

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5935 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.