|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
14/08/2018

Fonte
www.wired.it

Un farmaco potrebbe prevenire l'Alzheimer?

I ricercatori dell’università della Virginia hanno scoperto che la memantina, un farmaco per trattare i sintomi della malattia, potrebbe essere usato anche per prevenire o rallentare la progressione dell’Alzheimer se somministrato ai pazienti prima che compaiano i sintomi.

I sintomi caratteristici  del morbo sono principalmente una grave perdita di memoria e un declino della funzione cognitiva. Ma i processi molecolari che li causano solitamente cominciano anni prima, ovvero molto prima che si verifichi un danno neuronale esteso.

In questo periodo i neuroni del cervello tentano di dividersi, probabilmente per compensare la morte di altri neuroni, colpiti dalla malattia.

Il ricercatore Erin Kodis ha ipotizzato che ciò che spingerebbe questi neuroni indietro nel ciclo cellulare sarebbe un eccesso di calcio che penetra all’interno. E ciò si verificherebbe prima della comparsa delle placche amiloidi che interferiscono sulla funzione delle sinapsi neuronali dei malati di Alzheimer.

Kodis attraverso vari esperimenti di laboratorio ha evidenziato come la memantina possa essere efficace nel bloccare il rientro del ciclo cellulare, chiudendo il recettore Nmda.

I potenziali pazienti dovrebbero essere sottoposti a screening per i biomarcatori del morbo di Alzheimer anni prima che compaiano i sintomi, affinché la memantina possa risultare efficace.


(Tratto dall’articolo www.wired.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Combattere la solitudine

Esistono centinaia di decaloghi per indurre a combattere la solitudine; alcuni ridicoli, altri banali, altri ancora inutili. Non esistono risposte risolutive ad una condizione che si è costruita nel tempo e che ha quindi esercitato una funzione distruttiva sull’autonomia della persona, sulla sua volontà di ritornare indietro ad una condizione nella quale i legami erano ancora in grado di lenire il dolore della solitudine.

Colazione a domicilio per 10 mila anziani

La Fondazione Banco Alimentare Onlus, in collaborazione con Kellogg, ha istituito il progetto Evviva la colazione con un triplice obiettivo: raccogliere cibo per la prima colazione, far compagnia agli anziani soli e offrirgli suggerimenti per una buona alimentazione.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

A Lisbona, nel laboratorio di arte urbana Lata 65, noti artisti di strada hanno fornito insegnamenti di base agli anziani sulla street art; coinvolgendo otto donne e tre uomini, di età compresa tra 59 e 90 anni.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 11/06/2019

Parola chiave: Animazione, Arte, creatività, Contesto urbano

 

Dal rapporto sul Benessere Equo e Sostenibile (Bes), diffuso dall’Istat il 29 maggio scorso, emerge che a dicembre 2018 la speranza di vita alla nascita è di 82,7 anni a livello nazionale.

 

Scritto da Lacchi Nives il 14/06/2019

Parola chiave: Analisi demografica, Longevità

 

L'Università di Padova, in collaborazione con l'americana Harvard Medical School, sta studiando la sperimentazione di un indumento tecnologico che possa prevenire le cadute in soggetti anziani. Si tratterebbe di un guscio morbido, un capo di abbigliamento per correggere, sostenere ed evitare la perdita di equilibrio prevenendo il rischio di fratture e disabilità tipiche dell'età.

 

Scritto da Desanti Gianni il 11/06/2019

Parola chiave: Ausili, Tecnologia

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5974 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.