|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
03/09/2018

Fonte
www.lavoce.info

Lavoratori in nero e stranieri garantiscono l'assistenza agli anziani nel nostro Paese

In Italia ci sono oltre 2 milioni di lavoratori domestici e molti di loro sono stranieri. Oltre il 50% di loro non è in regola e sarebbero necessarie, oltre a una sanatoria, misure complessive per garantire benefici a lungo termine.

L’Italia, con Germania e Giappone, è uno dei paesi più anziani al mondo e il numero delle persone con più di 75 anni è destinato a salire da 7 a 12 milioni entro l'anno 2050.

La necessità da parte dello stato di ridurre le spese del welfare ha fatto sì che l'assistenza agli anziani fosse delegata maggiormente alle famiglie che si sono avvalse sempre di più dell'aiuto di colf e badanti.

Tra gli anni novanta e duemila la presenza in Italia di donne dell'Est disponibili a questa mansione, anche in convivenza con l'assistito, ha registrato un vero e proprio boom.

Una ricerca di Domina (Associazione nazionale famiglia datori di lavoro domestico) ha rilevato che per i lavoratori domestici si spendono 7 miliardi ogni anno, facendone risparmiare 15 allo stato che, in altro caso, dovrebbe farsi carico di circa 800 mila anziani non autosufficienti.

Molti di loro sono lavoratori in nero anche se non tutti sono irregolari dal punto di vista del permesso di soggiorno, per cui potrebbero essere assunti con adeguati contratti con benefici per tutti i soggetti interessati (lavoratori, famiglie, Stato) almeno nell'immediato.


(Tratto dall’articolo www.lavoce.info)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Le statine riducono il rischio di malattie cardiovascolari

Una ricerca condotta dall'Università di Sidney ha evidenziato che le statine, cioè i farmaci utilizzati per ridurre il livello di colesterolo, possono diminuire il rischio di malattie cardiovascolari, anche nelle persone con età superiore ai 75 anni.

La regione Lombardia mette a disposizione risorse per anziani e disabili

Da metà gennaio la regione Lombardia mette a disposizione risorse destinate ad aiutare chi versa in condizioni di fragilità e a disabili in possesso dei requisiti richiesti.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Grazie a un casco si ricreano gli effetti della visione tubolare, causata dalla restrizione del campo visivo, e di ciò che accade in seguito al danneggiamento della parte centrale della retina. Un ronzio nelle orecchie e/o una riproduzione di suoni ovattati simulano la difficoltà di sentire delle persone avanti con gli anni. I disturbi linguistici vengono simulati attraverso un microfono inserito nel casco che trasmette le parole con un leggero ritardo. Lo sforzo maggiore viene proposto durante una passeggiata simulata: il robot riproduce l’affaticamento, la rigidità dei muscoli e delle articolazioni e sono sufficienti pochi passi per variare, accelerando, il battito cardiaco.

 

Scritto da Lacchi Nives il 12/04/2019

Parola chiave: Tecnologia

 

Da uno studio pubblicato su The Lancet, rivista scientifica inglese di ambito medico, si apprende che mangiare male uccide più del fumo, della pressione alta e di qualunque altro fattore di rischio.

 

Scritto da Lacchi Nives il 12/04/2019

Parola chiave: Alimentazione

 

La Fondazione Banco Alimentare Onlus, in collaborazione con Kellogg, ha istituito il progetto Evviva la colazione con un triplice obiettivo: raccogliere cibo per la prima colazione, far compagnia agli anziani soli e offrirgli suggerimenti per una buona alimentazione.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 12/04/2019

Parola chiave: Abitazione, Alimentazione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5983 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.