|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.vita.it
13/09/2018

Educatori: quella legge che sembra fatta apposta per complicare la vita

Le modifiche apportate in legge di bilancio alla proposta di legge Iori hanno creato la paradossale situazione per cui qualche migliaio di educatori oggi è fuorilegge nei servizi socio-sanitari in cui da anni lavora.

Con l’intento di meglio disciplinare la professione dell’educatore professionale si è finito per dividerlo in due profili diversi, uno sanitario e uno sociale, generando un equivoco in coloro che oggi lavorano regolarmente con il titolo di educatore all’interno di quei servizi che la legge prevede e disciplina come socio-sanitari.

Nel DL 24423 infatti gli educatori socio-pedagocici potevano operare anche in ambito socio-sanitario limitatamente agli aspetti socio-educativi; mentre nel comma 594 dell’art. 1 della legge 205/2017(legge di bilancio) le parole socio-sanitario sono sostituite da “socio-assistenziale, limitatamente agli aspetti socio-educativi”. Ciò significa che qualche migliaio di persone che fino ad oggi hanno operato legittimamente all’interno di servizi socio-sanitari, non sono più idonei a ricoprire tale ruolo.

Per porre rimedio, in tempi brevi, si potrebbe specificare (come ha fatto la Regione Lombardia col DGR 3612 del 2015) che entrambe le figure (educatore sociale ed educatore sanitario) possono lavorare nei servizi socio-sanitari.
A medio termine si può individuare un solo percorso formativo e di qualificazione professionale dell’educatore che possa lavorare sia in ambito sociale sia in ambito sanitario e, a questo punto occorrerà specificarlo, anche in ambito socio-sanitario.


(Fonte: www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

La convivenza con un animale domestico migliora la vita degli anziani

Dalla ricerca condotta da Senior Italia FederAnziani, la Federazione delle associazioni della terza età, e Mars Italia, azienda leader nel settore del petcare, risulta che vivere con un animale, gatto o cane, abbia un impatto positivo sugli over 65.

Chi gioca a tennis vive più a lungo

Uno studio guidato da un team del Frederiksberg Hospital di Copenaghen, pubblicato su Mayo Clinic Proceedings, rileva che il tennis è la disciplina sportiva che aiuta a vivere più a lungo.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

L'uso della marijuana, dopo la liberalizzazione in 29 paesi, è in continuo aumento non solo tra i giovani ma anche tra la popolazione anziana, sia a scopo terapeutico che a scopo ricreativo. E' da presumere che chi ha iniziato a fumare gli spinelli negli anni '60 e '70 continui a farlo ancora, anche se non con una cadenza regolare. 

 

Di Todaro Fabio, www.fondazioneveronesi.it, 25/09/2018

Parola chiave: Medicina alternativa, Stili di vita

 

Secondo uno studio effettuato dall’International Longevity Center nel Regno Unito chi invecchia in buona salute sarebbe addirittura più produttivo rispetto ai colleghi più giovani. Rimane peraltro il dubbio che i vantaggi di questa situazione siano ascrivibili solo alla comunità e non all'interessato.

 

Da Rold Cristina, www.ilsole24ore.com, 17/09/2018

Parola chiave: Lavoro nella terza età

 

Gli ultimi dati Istat sulla frequentazione del cinema attestano che questa è fortemente legata all’età ed è in prevalenza saltuaria (1-3 volte l’anno); questa saltuarietà rappresenta il 30% circa del target, contro l’11% delle frequenze regolari (4-6 volte l’anno) e il 7,7% delle frequenze assidue (7 o più volte l’anno).

 

Carrino Antonella, www.centrostudi.50epiu.it, 29/08/2018

Parola chiave: Cinema, Dati statistici

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 56 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.