|

|

|

|

|


Autore

Fonte
www.vita.it
13/09/2018

Educatori: quella legge che sembra fatta apposta per complicare la vita

Le modifiche apportate in legge di bilancio alla proposta di legge Iori hanno creato la paradossale situazione per cui qualche migliaio di educatori oggi è fuorilegge nei servizi socio-sanitari in cui da anni lavora.

Con l’intento di meglio disciplinare la professione dell’educatore professionale si è finito per dividerlo in due profili diversi, uno sanitario e uno sociale, generando un equivoco in coloro che oggi lavorano regolarmente con il titolo di educatore all’interno di quei servizi che la legge prevede e disciplina come socio-sanitari.

Nel DL 24423 infatti gli educatori socio-pedagocici potevano operare anche in ambito socio-sanitario limitatamente agli aspetti socio-educativi; mentre nel comma 594 dell’art. 1 della legge 205/2017(legge di bilancio) le parole socio-sanitario sono sostituite da “socio-assistenziale, limitatamente agli aspetti socio-educativi”. Ciò significa che qualche migliaio di persone che fino ad oggi hanno operato legittimamente all’interno di servizi socio-sanitari, non sono più idonei a ricoprire tale ruolo.

Per porre rimedio, in tempi brevi, si potrebbe specificare (come ha fatto la Regione Lombardia col DGR 3612 del 2015) che entrambe le figure (educatore sociale ed educatore sanitario) possono lavorare nei servizi socio-sanitari.
A medio termine si può individuare un solo percorso formativo e di qualificazione professionale dell’educatore che possa lavorare sia in ambito sociale sia in ambito sanitario e, a questo punto occorrerà specificarlo, anche in ambito socio-sanitario.


(Fonte: www.vita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

In Italia solo il 3% degli anziani usufruisce dell'assistenza domiciliare

In Italia, che si conferma il Paese più vecchio del mondo insieme al Giappone, solo 3 anziani su 100 hanno possibilità di avere l’assistenza domiciliare.

La cattiva alimentazione causa più morti del fumo e di altri fattori di rischio

Da uno studio pubblicato su The Lancet, rivista scientifica inglese di ambito medico, si apprende che mangiare male uccide più del fumo, della pressione alta e di qualunque altro fattore di rischio.

Ultimi inserimenti in Periodico

 

Sindrome Italia è la definizione utilizzata in Romania per i problemi di salute mentale accusati da chi ha lavorato come badante in Italia.

 

Raso Beatrice, www.meteoweb.eu, 26/02/2019

Parola chiave: Assistente familiare, badante

 

Nell’era digitale in cui i giovani sembrano i detentori del sapere, la Modern Elder Academy (MEA) si propone come il luogo in cui i senior possono valorizzare le proprie capacità.

 

Russo Linda, www.centrostudi.50epiu.it, 26/03/2019

Parola chiave: Educazione permanente, Lavoro nella terza età

 

L'Italia prova ad attrarre i pensionati residenti all’estero (anche nostri connazionali) che decidono di trasferirsi nella Penisola. Con la legge di Bilancio 2019, infatti, è stata introdotta una tassazione ridotta sui redditi per le persone che trasferiscono la loro residenza nelle regioni del Mezzogiorno.

 

Croce Marco, Vallefuoco Valerio, www.ilsole24ore.com, 04/03/2019

Parola chiave: Legislazione nazionale, Politiche riferite alla popolazione anziana

Visualizza altri Periodici In archivio sono presenti 75 Periodici

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.