|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
30/09/2018

Fonte
www.avvenire.it

Diagnosi precoce per fronteggiare l'Alzheimer

Una cura per l’Alzheimer non c’è ancora, per questo la ricerca cerca strade sempre nuove per anticipare la diagnosi della malattia e rallentarne gli effetti.

600mila italiani sono affetti da questo morbo e l’aumento dell’aspettativa media di vita, secondo l’Istat, porterà a un raddoppio dei casi entro il 2030 e addirittura una triplicazione entro il 2050. E questi dati sono inversamente proporzionali ai successi scientifici.

Un altro aspetto drammatico della malattia è l’assistenza: in 8 casi su 10 è completamente a carico delle famiglie, con  un impegno di cura quantificato in 11 ore al giorno.

La diagnosi precoce è pertanto fondamentale: tomografia, risonanza magnetica, esami del sangue rappresentano un accurato esame del paziente che inizialmente può essere attore delle scelte terapeutiche e assistenziali che lo riguardano. Ma oggi si guarda anche con attenzione ai 25 progetti di ricerca della rete di giovani ricercatori sostenuti dall’Associazione italiana Airalzh Onlus, che contengono tecniche sempre più raffinate che utilizzano biomarcatori specifici, basati ad esempio sulla saliva, e test che analizzano il linguaggio.

Nella Giornata mondiale dedicata alla malattia la Federazione Alzheimer Italia ricorda che occorre cambiare la modalità di assistenza osservando e ascoltando il malato, conoscendone i bisogni, i valori, gli interessi.


(Tratto dall’articolo www.avvenire.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Studi sugli Omega3 in revisione

Studi recenti tendono a ridimensionare il ruolo degli Omega 3 nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Come la prima volta

È la storia di Oscar, un fotografo che da sempre cerca di fermare il tempo, i ricordi, i pensieri, illudendosi di riuscirci finché la malattia della moglie e il digitale sembrano rapire ogni forma di memoria.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

Secondo uno studio della Pennsylvania State University, pubblicato su Food Chemistry, il consumo di funghi può rallentare l’invecchiamento. Il merito è dovuto a due sostanze antiossidanti presenti nell’alimento, il glutatione e l’ergotioneina, entrambe in grado di migliorare la salute.

 

Scritto da Coppi Mariarosa il 05/10/2018

Parola chiave: Alimentazione, Progetto obiettivo tutela della salute degli anziani

 

Gli anziani trascorrono gran parte del loro tempo in solitudine, spesso non per scelta. Eppure non dovrebbero mai essere lasciati soli: renderli partecipi della vita dei giovani allungherebbe la loro vita e quella di chi si fa di loro carico.

 

Scritto da Mathieu Enza il 11/10/2018

Parola chiave: Bisogni degli anziani

 

L'onlus di Confagricoltura Piemonte Senior l’età della saggezza ha consegnato un assegno di 20 mila e 600 euro ad Allegra Agnelli in qualità di Presidente della Fondazione Piemontese Ricerca sul Cancro.

 

Scritto da Desanti Gianni il 11/10/2018

Parola chiave: No profit, Tumore

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5818 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.