|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
09/10/2018

Fonte
www.today.it

Gli anziani italiani e i social

Gli anziani sono sempre più legati agli smartphone e risultano attivi sui social.

Questa è la realtà fotografata dalla ricerca Smart ageing, nata per conoscere quale tipo di rapporto hanno gli over 55 di diversi Paesi del mondo con la tecnologia.

Ebbene gli Italiani risultano inseparabili dal proprio smartphone (76%) e primeggiano per l'uso dei social network; hanno un'app per ogni necessità: comunicare, cercare una strada, informarsi sulle previsioni del tempo, fare acquisti…

I dati della ricerca mostrano una silver generation curiosa nei confronti della tecnologia; quasi 9 intervistati su 10 hanno installato Whatsapp e sui social sembra sfumare il mito degli italiani legati alla propria famiglia: solo il 46% dichiara di connettersi per mantenere relazioni con i propri familiari, contro ben il 78% degli australiani e il 77% degli statunitensi.

Nel nostro Paese quasi 8 persone su 10 nutrono la passione per la tecnologia e ne riconoscono il valore più dei senior stranieri: l'83% riconosce di fare cose che prima non si riuscivano a fare, per il 78% la tecnologia semplifica la vita e per il 35% migliora la propria salute (percentuali decisamente superiori rispetto agli altri Paesi).


(Tratto dall’articolo www.today.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Giovani risposte a consumatori che invecchiano

A causa degli sviluppi demografici dell’invecchiamento della popolazione in quasi tutti i paesi dell’Unione europea, le strutture sociali e sanitarie sono in un processo continuo di adattamento di risposte adeguate a questa sfida.

Anziani e fake news: Auser promuove una campagna di "alfabetizzazione mediatica"

Nella rete si possono incontrare le sirene ed essere tratti in inganno dal loro canto. Un rischio reale per tutti nell'era digitale, anziani inclusi. Una recente indagine di Ipsos ha rilevato che gli anziani, nel 76% dei casi, hanno almeno un account e spesso (nel 25% dei casi) utilizzano i social per comunicare e informarsi. Tavolta capita di imbattersi in “bufale” e fake news: Auser ha dedicato agli strumenti per difendersi da queste due giorni di convegno a Torino.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

In Italia, secondo i dati ufficiali, solo la metà delle persone a rischio, a partire dagli anziani, si è sottoposta alla profilassi antinfluenzale.

 

Scritto da Dario Luciana il 16/01/2019

Parola chiave: Prevenzione, Vaccinazioni

 

Gli studenti degli Istituti superiori Natta e Caniana di Bergamo si faranno insegnanti e terranno, tra gennaio e febbraio, 4 corsi gratuiti di primo e secondo livello rivolti agli over 60, per imparare a utilizzare il computer e lo smartphone.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 15/01/2019

Parola chiave: Digital divide, Rapporti intergenerazionali

 

Uno studio condotto dalla Washington University di St. Louis e diffuso dall'Agenzia Reuters Health, ha rivelato che bere fino a sette drink a settimana (equivalente a a 0,35 litri di birra, un bicchiere di vino da 175 ml o uno shot di superalcolici da 45 ml) potrebbe proteggere dall'insufficienza cardiaca e aiutare a vivere più a lungo.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 15/01/2019

Parola chiave: Malattie cardiovascolari, Prevenzione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5897 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.