|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
19/10/2018

Fonte
www.quotidianosanita.it

Utilizzare i social aiuta a percepire meno il dolore

Uno studio pubblicato da Journals of Gerontology suggerisce che l'utilizzo dei social media è in grado di far percepire più debolmente il dolore e di conseguenza aiutare gli ammalati che sono a rischio di depressione.

L’indagine ha riguardato 3.401 persone di oltre 67 anni nel periodo tra il 2013 e 2014. Tra gli indagati, a cui è stato proposto di aggiungere alle normali attività sociali, sia all'esterno della famiglia sia nel loro circolo di amici e parenti, l'utilizzo di social media, si è notato che il tasso di depressione è diminuito, così come la percezione del dolore.


(Tratto dall’articolo www.quotidianosanita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Convegno congiunto SIGOT-SIGG-AGE - La Geriatria in Emilia Romagna

L’evento è destinato alle seguenti figure professionali per un massimo di 100 partecipanti: Medico Chirurgo (Geriatria; Malattie metaboliche e diabetologia; Medicina fisica e riabilitazione; Medicina Generale (Medici di famiglia); Medicina Interna; Farmacista; Infermiere; Fisioterapista; Assistente sanitario; Psicologo e ha ottenuto n. 7 crediti formativi. I crediti saranno rilasciati esclusivamente ai partecipanti appartenenti alle professioni ed alle discipline indicate che rientreranno nel numero massimo di partecipanti per il quale l’evento è stato accreditato. L'attestazione dei crediti è subordinata alla partecipazione effettiva all'intero programma formativo (nella misura del 100%) ed alla verifica dell'apprendimento (si rammenta che è necessario rispondere esattamente al 75% delle domande presenti nel test). L'attestato di partecipazione, riportante il numero di crediti assegnati, verrà pertanto rilasciato dopo avere effettuato tali verifiche e sarà quindi disponibile non prima di 60 giorni dopo la chiusura dell’evento.

Nemica Solitudine. Analisi e proposte per vincere la solitudine dell'anziano

La solitudine ha effetti devastanti sulla vita della persona anziana; infatti chi è solo muore prima, è a maggior rischio di malattie, in particolare aumenta del 30% il rischio di demenza.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

L'indagine di Acri-Ipsos ha reso noto i risultati sul tema "L'etica del risparmio e lo sviluppo".

 

Scritto da Dario Luciana il 12/11/2018

Parola chiave: Crisi economica, Ricerca

 

Spesso si tende a pensare che la popolazione anziana debba ridurre al minimo il consumo di proteine a causa dell’età. Invece, un recente studio, pubblicato sul Journal of American Geriatric Society, sembra affermare esattamente l’opposto.

 

Scritto da Dario Luciana il 12/11/2018

Parola chiave: Alimentazione, Prevenzione, Ricerca

 

Secondo un sondaggio realizzato da Ipsos per Fondazione Korian, il 49% dei nonni italiani aiuta economicamente figli e nipoti, contro il 24% della media europea. Lo stesso sondaggio ci dice che il 61% degli over 65 italiani danno costantemente consigli a figli e nipoti, su argomenti disparati, dalla scuola, al lavoro, alle relazioni.

 

Scritto da Cppi Mariarosa il 09/11/2018

Parola chiave: Analisi comparative, Rapporti intergenerazionali

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5842 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.