|

|

|

|

|


Autore

Data Notizia
19/10/2018

Fonte
www.quotidianosanita.it

Utilizzare i social aiuta a percepire meno il dolore

Uno studio pubblicato da Journals of Gerontology suggerisce che l'utilizzo dei social media è in grado di far percepire più debolmente il dolore e di conseguenza aiutare gli ammalati che sono a rischio di depressione.

L’indagine ha riguardato 3.401 persone di oltre 67 anni nel periodo tra il 2013 e 2014. Tra gli indagati, a cui è stato proposto di aggiungere alle normali attività sociali, sia all'esterno della famiglia sia nel loro circolo di amici e parenti, l'utilizzo di social media, si è notato che il tasso di depressione è diminuito, così come la percezione del dolore.


(Tratto dall’articolo www.quotidianosanita.it)

Tutto il materiale e le informazioni presenti in questo Sito Web sono protetti dal diritto di copyright, ossia dal diritto di proprietà e tutti i contenuti del sito appartengono esclusivamente a Fondazione Leonardo. Tali contenuti possono includere immagini, fotografie, illustrazioni, testi, inserti video e audio, disegni, logotipi e marchi di fabbrica. Tutti i diritti sono riservati.

Aler: da gennaio per gli anziani affitto azzerato

In Lombardia, a partire da gennaio 2019, i caseggiati Aler azzererano il canone d'affitto per gli inquilini anziani. 

Attenzione alle basse temperature

Il freddo è nemico dei cardiopatici e degli anziani.

Ultimi inserimenti in Notizia

 

In Italia, secondo i dati ufficiali, solo la metà delle persone a rischio, a partire dagli anziani, si è sottoposta alla profilassi antinfluenzale.

 

Scritto da Dario Luciana il 16/01/2019

Parola chiave: Prevenzione, Vaccinazioni

 

Gli studenti degli Istituti superiori Natta e Caniana di Bergamo si faranno insegnanti e terranno, tra gennaio e febbraio, 4 corsi gratuiti di primo e secondo livello rivolti agli over 60, per imparare a utilizzare il computer e lo smartphone.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 15/01/2019

Parola chiave: Digital divide, Rapporti intergenerazionali

 

Uno studio condotto dalla Washington University di St. Louis e diffuso dall'Agenzia Reuters Health, ha rivelato che bere fino a sette drink a settimana (equivalente a a 0,35 litri di birra, un bicchiere di vino da 175 ml o uno shot di superalcolici da 45 ml) potrebbe proteggere dall'insufficienza cardiaca e aiutare a vivere più a lungo.

 

Scritto da Faraglia Sonia il 15/01/2019

Parola chiave: Malattie cardiovascolari, Prevenzione

Visualizza altri Notizie In archivio sono presenti 5897 Notizie

Inviaci le tue notizie

Puoi segnalarci: progetti, convegni, seminari, tutto ciò che può interessare chi si interessa della vita in età anziana.

Iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato e ricevi le più importanti notizie della settimana.